Notizie su sole e pelle

Il sopravvissuto al melanoma acrale avverte: sapere cosa cercare

By Victoria Kopec • 9 luglio 2024


La maggior parte delle persone che vanno dal podologo non si aspetterebbero mai di sottoporsi a una biopsia e di ricevere la diagnosi di un cancro della pelle raro e pericoloso. Ma questo è esattamente quello che è successo a Dorothy Overstreet nel 2020, durante il culmine della pandemia di COVID-19. Ora vuole educare le persone a riguardo Melanoma acrale lentigginoso (ALM) e come rilevarlo.  

Dorothy, che all'epoca aveva 76 anni, si stava facendo rimuovere un callo quando il suo podologo notò una macchia scura di pelle sul tallone sinistro.  

"Il mio medico ha detto: 'Che cos'è? Ti dispiace se faccio una biopsia?'” 

È rimasta scioccata nel sentire che sospettava un melanoma. "Gli ho detto: 'Ma il mio piede non è al sole e la mia pelle non è chiara'", ha spiegato Dorothy. "È stato allora che ho capito che chiunque può ammalarsi di cancro alla pelle." 

Otto giorni dopo, il suo medico le diede la notizia: Dorothy aveva un melanoma acrale lentigginoso e necessitava di un intervento chirurgico immediato.  

In un istante, la sua vita prese una svolta nuova e spaventosa. Dorothy si prese il resto della giornata libera per elaborare la notizia. “Non ho mai sentito parlare di melanoma al piede. Poi ho studiato e letto Bob Marley, "Ha detto.

Seguendo gli ordini del suo podologo, Dorothy ha prenotato un consulto con un dermatologo e un chirurgo plastico. 

Informazioni su ALM

L'ALM è il melanoma più comune riscontrato in gente di colore. Appare spesso come una colorazione nera o marrone sui palmi delle mani, sulle piante dei piedi o sotto le unghie. Se non trattata, può crescere e diffondersi ad altre parti del corpo. Riconoscere i primi segnali d’allarme può fare la differenza tra la vita e la morte. 

Per le persone di colore, l’ALM e altri tumori della pelle vengono spesso diagnosticati più tardi, quando diventa più difficile da trattare. Questo ritardo nella diagnosi è in parte attribuito a una minore consapevolezza pubblica del rischio di cancro della pelle tra le persone di colore. E poiché le probabilità di cancro della pelle sono minori nei pazienti di colore, spesso c’è un basso indice di sospetto tra gli operatori sanitari. E in terzo luogo, le zone del corpo in cui i tumori della pelle tendono a manifestarsi nelle persone di colore si trovano spesso in aree meno esposte al sole, rendendone più difficile il rilevamento.

Chirurgia e ricostruzione del lembo 

Dorothy ha ricevuto una buona notizia prima dell'intervento chirurgico: il rapporto dell'esame istologico mostrava che il melanoma non si era diffuso oltre la sede originaria del tumore e che i suoi linfonodi erano puliti.  

Durante la visita, i medici le spiegarono che, una volta asportato il melanoma, Dorothy si sarebbe sottoposta chirurgia del lembo affinché potesse camminare di nuovo. Mentre i medici comunemente usano wide chirurgia escissionale per rimuovere il melanoma acrale, la posizione e le dimensioni del tumore di Dorothy richiedevano un intervento chirurgico con lembo per ricostruire completamente il sito utilizzando il tessuto circostante. 

 "Ho portato un quaderno e ho disegnato ciò che i medici mi stavano spiegando", ha detto. "E io ripongo la mia fiducia in questi medici."  

Nove giorni dopo, Dorothy subì un'operazione di tre ore. Il suo chirurgo ha rimosso il melanoma, quindi ha prelevato un innesto di tessuto dall'interno della gamba per riparare il piede.  

Melanoma lentigginoso acrale sul tallone sinistro di una donna nera

Ricostruzione chirurgica del piede di Dorothy

Una ripresa lunga e impegnativa  

Quando tornò a casa dall'ospedale con il piede e la gamba pesantemente fasciati, a Dorothy furono dati severi ordini di non sopportare alcun peso. Doveva restare a letto o sul divano con il piede sollevato. Per fortuna, sua figlia, un'infermiera, si è presa del tempo libero per cambiare le medicazioni ogni giorno per le prime due settimane. 

Il recupero è stato un viaggio lungo e difficile. Tre mesi di immobilizzazione, insieme all’isolamento e alla paura associati alla pandemia, hanno messo a dura prova la salute mentale di Dorothy. 

“È stata un’esperienza spaventosa. Soffrivo di ansia, depressione, disturbo da stress post-traumatico e paranoia", ha spiegato. "Ho pensato, 'Camminerò mai più? Come farò a stare in piedi?' Ero allarmato per ogni strano segno sul mio corpo. 

"Alla fine, ho detto: 'Okay, Dorothy, devi controllare questo cancro, il cancro non controllerà te". 

Con il tempo e la guarigione, Dorothy si abituò alla sua nuova normalità di sopravvissuta al melanoma. Ha ripreso a lavorare da remoto. Un terapista occupazionale le ha insegnato a camminare e a svolgere in sicurezza le attività quotidiane. Cominciò a camminare in punta di piedi, poi gradualmente esercitò pressione sul piede.  

Educare le persone sui pericoli del melanoma acrale 

Mentre era costretta a casa, Dorothy prese in considerazione l'idea di scrivere un libro di memorie sulla sua esperienza. Poi ha deciso di fare qualcosa di meglio: parlare alle persone per educarli sul melanoma acrale e su come rilevarlo. È rimasta sorpresa dalla mancanza di consapevolezza riguardo alla malattia.  

"Ogni volta che parlavo con qualcuno del cancro della pelle al piede, mi guardavano a bocca aperta e dicevano: 'Non ho mai sentito una cosa del genere'", ha spiegato Dorothy. 

Dorothy invita inoltre i medici ad avere foto rappresentative nei loro studi. “Dove sono le immagini del cancro sulla pelle nera e marrone nello studio del medico? Mi piacerebbe vedere alcune foto, così la gente può capire come appare.  

Dorothy ha tenuto un evento di sensibilizzazione nella sua chiesa nel giugno 2024. Hanno partecipato circa 60 persone, inclusi dermatologi dell'ospedale locale. Dorothy ha condiviso la sua storia, i dermatologi hanno eseguito screening gratuiti per il cancro della pelle e hanno tenuto una sessione di domande e risposte sul cancro della pelle. I materiali didattici della Skin Cancer Foundation sono stati condivisi con i partecipanti.

“La risposta è stata travolgente”, ha detto. “Sono qui per educare. E racconto la mia storia a chiunque voglia ascoltare.  

Vigilanza costante  

Negli anni successivi all'intervento chirurgico e al recupero, Dorothy è diligente nel farsi controllare. 

"Ho tutti che mi guardano", ha detto. “Faccio delle scansioni ogni sei mesi con il mio oncologo. Vedo il podologo ogni sei-otto settimane, perché mi rasa il tessuto cicatrizzato sotto il piede. Il mio dentista mi controlla la bocca per vedere se c'è qualcosa di insolito. Il mio oculista mi guarda negli occhi per il melanoma. 

Dorothy esegue mensilmente autoesami della pelle e controlla il suo corpo per verificare la presenza di linfonodi ingrossati. Vede il suo dermatologo due volte l'anno e vede regolarmente il suo medico di base.  

Lavora tre giorni alla settimana e va in palestra due volte a settimana per mantenere vivo il tessuto del piede. E Dorothy ha apportato alcune modifiche allo stile che implicano la protezione della sua pelle dai raggi UV. 

"Non indosso più lo smalto e non faccio più la pedicure, perché il mio oncologo mi ha spiegato che i sintomi possono manifestarsi sotto il letto ungueale", ha detto. "Sono felice di mantenere le unghie fresche, così posso riconoscere i sintomi." 

Dorothy crede che le persone dovrebbero prendersi cura del proprio corpo ed essere all'erta per qualsiasi cosa sospetta: “Se vedi qualcosa di nuovo, di cambiamento o di insolito sul tuo corpo, sulle tue mani o sui tuoi piedi; vai dal medico e chiedi 'Cos'è questo?' Se puoi, fatti indirizzare a un dermatologo. 

Partecipa alla campagna #LoveYourSkin

Per aumentare la consapevolezza sui pericoli del cancro della pelle, ti invitiamo a partecipare alla nostra campagna di sensibilizzazione pubblica — #LoveYourSkin — incentrato sull'educazione al cancro della pelle, sulla diagnosi precoce e sulla protezione solare pelle di colore.

È facile partecipare:

  • Seguici su sui social media
  • Condividi post, fatti e grafici per aiutare a spargere la voce (vedi sotto per alcuni grafici da condividere)
  • Usa l'hashtag #LoveYourSkinProtectYourSkin e taggaci @SkinCancerOrg così possiamo amplificare il messaggio
  • Organizza un evento di sensibilizzazione nella tua comunità. Dorothy ha distribuito materiale didattico dalla Skin Cancer Foundation. Contattaci a socialmedia@skincancer.org se desideri fare lo stesso!

Insieme possiamo aiutarci a vicenda e condividere i fatti e l'amore. Perché amare la propria pelle significa proteggere la propria pelle.

Scarica le immagini di sensibilizzazione sul melanoma acrale

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati