Notizie su sole e pelle

La tua dieta può aiutare a prevenire il cancro della pelle?

A cura di Skin Cancer Foundation • 8 giugno 2017
nutrienti

Prove crescenti dimostrano che i cibi ricchi di determinati nutrienti possono effettivamente aiutare e certamente non possono nuocere.

By DEBORAH S. SARNOFF, MD, ed DANIELLE GEROME

Vedi il tuo dermatologo due volte l'anno per a esame della pelle di tutto il corpo. Indossi un cappello a tesa larga e occhiali da sole fuori e stai sotto l'ombrellone in spiaggia o in piscina. Utilizzi sempre un SPF 15 ad ampio spettro o superiore protezione solare all'aperto e riapplicarlo almeno ogni due ore. Tu eviti abbronzatura letti come la peste.

Dopo tutte queste precauzioni, c'è qualcos'altro che puoi fare per evitare il cancro della pelle? Potresti pensare che la risposta sia no. Tuttavia, un'altra strategia chiave che puoi utilizzare è semplicemente quella di mangiare il più sano possibile.

Tumori della pelle non melanoma (NMSC), inclusi cellula basale ed carcinoma a cellule squamose (BCC e SCC), sono i tumori più comuni in America. Circa 5.4 milioni di casi di NMSC vengono curati in più di 3 milioni di persone ogni anno, ma una recente ricerca mostra che alcuni cambiamenti nella dieta possono essere un modo per ridurre questi numeri.

Acchiappa danni solari

La principale causa di cancro della pelle è raggi ultravioletti (UV). dal sole o dalle macchine abbronzanti. Circa il 90% dei tumori della pelle diversi dal melanoma e l'86% dei melanomi sono associati ai raggi UV solari e più di 419,000 casi di cancro della pelle negli Stati Uniti ogni anno sono collegati a abbronzatura indoor.

L'esposizione ai raggi UV provoca gran parte del suo caos sulla pelle generando radicali liberi, piccole molecole di ossigeno instabili e cattive che producono infiammazione e danneggiano la funzione cellulare e il DNA della pelle. Questo danno al DNA può causare cambiamenti nei geni chiamati mutazioni che portano al cancro della pelle.

Gli studi hanno dimostrato che le sostanze chiamate antiossidanti, comprese le vitamine e altri nutrienti, possono aiutare a combattere i radicali liberi e prevenire i danni che provocano il cancro della pelle. Uno studio del 2002 in Journal of Dermatology Investigative ha scoperto che l'esposizione ai raggi UV ingrassa le ruote per danni alla pelle in parte esaurendo gli antiossidanti nel corpo. Quindi, ha senso che la sostituzione di queste sostanze protettive possa rafforzare le difese indebolite.

Dopo anni di dibattito sul fatto che gli antiossidanti possano davvero fare la differenza tra qualcuno che sviluppa o meno il cancro della pelle, recenti ricerche hanno fatto pendere la bilancia a loro favore. Più dermatologi che mai ora consigliano ai pazienti di banchettare con cibi ricchi di questi nutrienti. Molti suggeriscono anche di applicare prodotti topici che li contengono, comprese le creme solari.

Mentre sia gli alimenti che gli integratori possono aiutare nella prevenzione delle malattie, la maggior parte dei nutrizionisti sottolinea gli alimenti, dal momento che il interazione tra i diversi nutrienti negli alimenti è ciò che li rende più efficaci. L'assunzione di singoli integratori vitaminici potrebbe non funzionare allo stesso modo e dosi elevate potrebbero essere tossiche. Vitamine C, E e A, zinco, selenio, beta carotene (carotenoidi), acidi grassi omega-3, licopene e polifenoli sono tra gli antiossidanti che molti dermatologi raccomandano di includere nella dieta per aiutare a prevenire il cancro della pelle. Li puoi trovare in molti cibi integrali nutrienti di tutti i giorni.

Betacarotene nelle carote

Le diete ricche di frutta e verdura ricche di beta carotene, come le carote, possono ridurre il rischio di alcuni tipi di cancro. Il beta carotene aumenta anche la capacità del sistema immunitario di combattere le malattie.

Ottieni qui i tuoi antiossidanti!

Mentre praticamente tutti gli esperti concordano sul fatto che mangiare cibi ricchi di questi composti fa bene alla salute generale, l'evidenza che aiutano specificamente a prevenire il cancro della pelle è più forte per alcuni nutrienti rispetto ad altri. La buona notizia, tuttavia, è che proteggono anche da altri tumori e condizioni che vanno dal diabete alle malattie cardiache. Quindi scava!

Beta Carotene

Questo nutriente può darti alcuni benefici per la salute convertendosi in vitamina A nel corpo. Mentre gli integratori non hanno dimostrato di aiutare a prevenire il cancro della pelle, le diete ricche di frutta e verdura ricche di beta carotene possono ridurre il rischio di alcuni tumori. Il beta carotene aumenta anche la capacità del sistema immunitario di combattere le malattie.

Dove trovarlo: Cerca frutta e verdura di colore arancione, tra cui carote, zucca, patate dolci, melone, albicocche e mango.

Licopene

Lo stesso pigmento rosso nel licopene che aiuta a proteggere il pomodoro dai danni del sole può anche aiutare a proteggere la pelle dai danni del sole. Uno studio del 2010 in Giornale britannico di dermatologia che ha monitorato i pazienti che mangiavano regolarmente pasta di pomodoro rispetto a un gruppo di controllo che non ha scoperto che, dopo 10 settimane, i mangiatori di licopene avevano il 40% in meno di probabilità di scottarsi. Diversi rapporti hanno collegato il licopene a un minor rischio di vari tipi di cancro.

Dove trovarlo: Questo antiossidante pigmentato di rosso si trova in pomodori, anguria, guava, papaia, albicocche, pompelmo rosa, arance rosse e altri alimenti.

Omega-3 Acidi grassi

Questi nutrienti inibiscono la COX-2, una sostanza chimica che promuove la progressione del cancro della pelle. Si pensa anche che riducano l'infiammazione. Diversi tumori, compreso il cancro della pelle, sono stati fortemente collegati all'infiammazione cronica.

Dove trovarlo: I pesci grassi come il salmone, le sardine, lo sgombro, l'aringa e il tonno alalunga sono pieni zeppi di omega-3. Noci e semi di lino sono buone fonti vegetariane.

Polifenoli nel tè

Gli studi hanno dimostrato che bere tè verde o nero può aiutare a prevenire il cancro della pelle. Ma le prove a favore del tè verde sono più forti, con numerosi studi che ne indicano i benefici. I polifenoli nel tè verde sono sostanze chimiche vegetali con potenti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali, e si è scoperto che riparano il DNA nella pelle esposta ai raggi UV, riducendo il danno cellulare. In laboratorio, il tè verde consumato o applicato direttamente sulla pelle ha contribuito a prevenire il cancro della pelle innescato dai raggi UV assorbendo i danni dei raggi UV e eliminando i radicali liberi. Uno studio recente ha concluso che i polifenoli del tè possono ridurre significativamente il rischio di cancro della pelle se bevi da quattro a sei tazze appena preparate al giorno.

Dove trovarloNel tè verde o nero appena preparato.

Selenio

Una recente importante revisione di 16 studi che hanno coinvolto più di 144,000 persone ha riportato che quelli con una maggiore assunzione di selenio hanno un rischio inferiore del 31% di cancro in qualsiasi sito e un rischio inferiore del 40% di morte per cancro.

Dove trovarlo: Solo una o due noci del Brasile al giorno forniscono tutto il selenio di cui hai bisogno. Anche carni come pollo e manzo nutrito con erba sono ricche di questo minerale.

Vitamina C

Molto tempo fa, gli scienziati hanno scoperto che alcune proprietà della vitamina C la rendono tossica per le cellule tumorali. Sebbene nessuno abbia trovato prove convincenti che prevenga il cancro della pelle o riduca le morti per cancro della pelle, studi generali hanno collegato livelli ematici più elevati di vitamina con un rischio complessivo inferiore di decessi per cancro.

Dove trovarlo:Ottieni la tua C da arance, limoni, lime, fragole, lamponi e alcune verdure, tra cui verdure a foglia verde, broccoli e peperoni.

Vitamina D

I benefici più comprovati della vitamina D sono la costruzione delle ossa e il potenziamento immunitario, ma uno studio del 2011 della National Women's Health Initiative ha rilevato che le donne con una storia di cancro della pelle non melanoma che assumevano bassi livelli (400 unità internazionali o UI) di gli integratori di vitamina D più calcio hanno ridotto il rischio di melanoma. Ci sono stati risultati simili con il cancro al seno, al colon e al retto. La pelle produce vitamina D in risposta all'esposizione al sole. Ma poiché l'esposizione al sole senza protezione provoca danni alla pelle, dovresti usare cibo e integratori per ottenere l'indennità giornaliera di 600 UI raccomandata dall'Institute of Medicine e dalla Skin Cancer Foundation per la persona media di età compresa tra 1 e 70 anni. (400 UI sono raccomandati per i bambini di età inferiore a 1 e 800 UI sono raccomandati per quelli di età superiore ai 70 anni.) Cerca la vitamina D3, la forma più efficace della vitamina.

Dove trovarlo: Se riesci a digerire il gusto, un cucchiaio di olio di fegato di merluzzo ha più del doppio della dose giornaliera raccomandata di vitamina D. Anche i pesci grassi come il salmone, lo sgombro e il tonno sono fonti eccellenti. Alimenti comuni come il latte e il succo d'arancia sono spesso fortificati con esso. E puoi ottenere piccole quantità in tuorli d'uovo, fegato di manzo e formaggio.

Vitamina E

Nella dieta, questa vitamina ha molte capacità che potrebbero renderla un'efficace prevenzione del cancro della pelle. Un comprovato antiossidante, aiuta a prevenire i danni dei radicali liberi, assorbe l'energia dai raggi UV, ha potenti effetti antinfiammatori e migliora la capacità della pelle e delle vene di agire come barriere protettive. Gli integratori di vitamina E possono portare a effetti collaterali, come lividi e problemi di sanguinamento.

Dove trovarlo: Ricche fonti di vitamina E includono mandorle e altra frutta a guscio, girasole e altri semi, spinaci, semi di soia e germe di grano.

Zinco

Aiuta a mantenere il sistema immunitario funzionante in modo efficiente per combattere il cancro e altre malattie. Aiuta anche ad attivare alcuni antiossidanti nel corpo. Un piccolo studio del 2017 sugli uomini in The American Journal of Clinical Nutrition hanno scoperto che solo un modesto aumento dello zinco nella dieta ha contribuito a reintegrare gli antiossidanti e ripristinare le funzioni immunitarie nel corpo. Ha aumentato il livello delle proteine ​​coinvolte nella riparazione del DNA e ha ridotto il tipo di danno al DNA che può portare al cancro.

Dove trovarloPuoi trovare elevate quantità di zinco nel manzo e nell'agnello, nei molluschi e nei legumi come hummus, ceci, lenticchie e fagioli neri.

Supplementi che possono aiutare

Sebbene nella maggior parte dei casi i nutrizionisti preferiscano ottenere i nutrienti dagli alimenti piuttosto che dagli integratori, due integratori antiossidanti hanno recentemente prodotto prove impressionanti come combattenti contro il cancro della pelle.

nicotinamide (noto anche come niacinamide) è una forma di vitamina B3. Diversi studi di Diona Damian, MD e colleghi in Australia hanno catapultato la nicotinamide nella coscienza pubblica, scatenando una corsa agli scaffali degli integratori vitaminici. I suoi studi hanno rivelato che la nicotinamide riduce del 23% il tasso di nuovi precancerosi cutanei, carcinomi a cellule basali e carcinomi a cellule squamose nei pazienti con una storia di queste lesioni. Ha anche svolto le prime ricerche suggerendo che la nicotinamide può fornire benefici simili ai pazienti affetti da melanoma.

Quando i raggi UV danneggiano la pelle, gli enzimi di riparazione del DNA nella pelle si lanciano nella riparazione del danno, ma non riescono mai a ripararlo del tutto. Il danno rimanente può portare all'invecchiamento della pelle e ai tumori della pelle. Tuttavia, sia la nicotinamide orale che quella topica reintegrano le scorte di energia nella pelle che vengono esaurite da queste riparazioni. In questo modo, rafforzano la capacità del sistema immunitario di riparare il danno. Inoltre, la stessa radiazione UV sopprime il sistema immunitario e la nicotinamide riduce questa soppressione.

Tuttavia, il dottor Damian suona una nota di cautela: "Finora, non ci sono prove dell'efficacia o dell'adeguatezza della nicotinamide orale nella popolazione più ampia", afferma. Ma per i pazienti ad alto rischio, osserva, come quelli che hanno avuto più tumori della pelle o persone che hanno un sistema immunitario molto soppresso, come i trapiantati, "Sono una nuova opportunità per la prevenzione del cancro della pelle". Sia in combinazioni multivitaminiche che come integratori da soli, dice, sono "sicuri, convenienti e ampiamente disponibili".

Sebbene la ricerca abbia utilizzato solo integratori, la nicotinamide è naturalmente presente in piccole quantità anche nel lievito, nelle carni magre, nel pesce, nelle noci e nei legumi. (Ora è anche incorporato in molti agenti topici tra cui creme solari e prodotti cosmetici.)

Polipodio leucotomo: Questo antiossidante, che proviene da una felce, è l'ingrediente chiave di diversi prodotti, e forse l'esempio più importante dei cosiddetti "protettori solari commestibili" oggi sul mercato. Gli studi hanno dimostrato che aiuta a prevenire la tossicità indotta da UVA e UVB e il danno al DNA e riduce i radicali liberi, quelle molecole di ossigeno potenzialmente cancerogene causate dall'esposizione ai raggi UV. Uno studio recente ha dimostrato che 240 mg di integratore due volte al giorno sopprimono le scottature solari ed è stato riscontrato che prolunga il tempo all'aperto prima che la pelle inizi ad abbronzarsi. È anche un antinfiammatorio e aumenta una molecola nota per sopprimere i tumori. Inoltre, ricerche convincenti dimostrano che funziona contro un disturbo della sensibilità ai raggi UV chiamato eruzione polimorfa della luce e il melasma, disturbo del pigmento indotto dai raggi UV. In Centro e Sud America, è usato nella medicina tradizionale.

Ultima parola: è importante ricordare che mentre questi integratori antiossidanti possono migliorare gli effetti della crema solare e di altre forme di protezione solare, non possono sostituirli. Qualsiasi prodotto "protezione solare commestibile" che promette una protezione completa (o un SPF superiore a 15, l'SPF minimo adeguato) ti sta vendendo una distinta base. La cosa principale è mantenere la pelle protetta dalla luce solare diretta cercando ombra all'aperto e indossando cappelli a tesa larga, occhiali da sole con filtro UV e altri indumenti protettivi solari insieme alla crema solare.

Più siamo meglio è

Proprio come i nutrienti forniscono maggiori benefici se combinati naturalmente negli alimenti, gli alimenti offrono maggiori benefici se combinati con altri alimenti. Più varia e colorata è la gamma di cibi che mangi, più armi accumuli nel tuo esercito antitumorale. Pasti sostanziosi, nutrienti e sfaccettati possono aiutare il tuo corpo a respingere danni e malattie con ondate di potenti antiossidanti, potenziatori immunitari e antinfiammatori.

Un grande regime energetico che combina una ricchezza di nutrienti antitumorali è la famosa dieta mediterranea, una dieta a base vegetale ricca di attivi, potenti antiossidanti e antinfiammatori. Un mélange delle diete tradizionali delle persone che vivono intorno al Mediterraneo, presenta cibi ricchi dal punto di vista nutrizionale come verdure crocifere e a foglia verde, pomodori, agrumi, erbe fresche, pesce ricco di acidi grassi omega-3, vino e olio d'oliva. In uno studio condotto su oltre 600 persone in Italia, coloro che seguono la dieta hanno dimezzato l'incidenza del melanoma rispetto a coloro che non seguono la dieta.

Quindi, ora che hai visto cosa possono fare questi super nutrienti e alimenti energetici, sta a te incorporarli nella tua dieta quotidiana. Non dovrebbe essere un lavoro ingrato, dal momento che sono tanto deliziosi quanto nutrienti. La strada per la salute e il benessere inizia dalle papille gustative!


Deborah S. Sarnoff, MD, è un professore clinico di dermatologia presso il Dipartimento di Dermatologia Ronald O. Perelman presso la NYU School of Medicine di New York City. Cofondatore e condirettore di Cosmetique, uno studio privato a Manhattan e Long Island, il Dr. Sarnoff è anche presidente di The Skin Cancer Foundation e co-redattore capo di Giornale dei farmaci in dermatologia.

Daniele Gerome, uno studente universitario alla Binghamton University, State University di New York, sta studiando neuroscienze integrative e dovrebbe laurearsi nel 2017.

Presentato in The Skin Cancer Foundation Journal 2017
*Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel numero 2017 di The Skin Cancer Foundation Journal.

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati