Notizie su sole e pelle

Ciclismo e protezione solare

By Giulia Bain • 27 maggio 2021


Il clima autunnale è perfetto per andare in bicicletta, che si tratti di una sfida a lunga distanza o di un piacevole giro in famiglia in campagna. C'è il sole, l'aria è frizzante, l'umidità tende ad essere più bassa e la necessità di protezione solare è più importante che mai.

L'appassionato di ciclismo Paul Melia (nella foto sopra), sa una cosa o due sulla protezione solare. Mentre cresceva ad Arlington, in Virginia, sua madre, un'infermiera registrata, metteva sempre una maglietta e una crema solare sulla pelle bianca irlandese del suo ragazzo in piscina o in spiaggia. Tuttavia, le lentiggini si sono accumulate.

Si è trasferito nel New Jersey nel 1993 e nei fine settimana si è divertito a pedalare, esplorando le attrazioni locali. Quando è arrivato a lavorare per The Skin Cancer Foundation nel 2008, ha imparato di più su come i danni alla pelle si accumulano nel tempo, anche a causa di un'esposizione accidentale, e possono portare al cancro della pelle.

Quando Paul ebbe un grave spavento per la salute quello stesso anno, la sua vita cambiò. "Da allora, ho reso il ciclismo su lunga distanza parte integrante del mio piano sanitario generale", afferma. “Non sono interessato a un tapis roulant che non va da nessuna parte. Mi piace avere la libertà di determinare dove vado, quando vado e quanto velocemente vado, mentre vedo nuovi luoghi lungo la strada. Sapeva anche che stare fuori in bicicletta per ore alla volta avrebbe richiesto un approccio attento e personalizzato per proteggere il suo tipo di pelle chiara ad alto rischio. Ecco alcune cose importanti che ha imparato che possono aiutare altri ciclisti a salvarsi la pelle.

Paul's Spin sulla sicurezza del sole in bicicletta

Prendi di mira la tua protezione. Quando ti pieghi su una bicicletta, dice Paul, ottieni più esposizione al sole sulla parte posteriore del collo, dietro le orecchie e dietro le gambe. Quindi, mentre dovresti applicare la protezione solare su tutta la pelle esposta, presta particolare attenzione a quelle aree a volte trascurate. Indossa anche un casco da bici con visiera per fare ombra sul viso e occhiali da sole protettivi dai raggi UV per proteggersi gli occhi.

Scegli i vestiti con saggezza. Gran parte della nuova attrezzatura da ciclismo disponibile offre protezione UPF, che sta per fattore di protezione dai raggi ultravioletti. Il numero indica quale frazione dei raggi ultravioletti del sole può penetrare nel tessuto. Quindi una maglietta con un UPF di 50, ad esempio, consente a solo 1/50 della radiazione UV del sole di raggiungere la tua pelle. Ancora meglio, dice Paul, è che alcuni dei tessuti UPF ad alta tecnologia assorbono anche il sudore e possono aiutarti a mantenerti caldo o fresco secondo necessità. Puoi anche trovare manicotti protettivi per braccia e gambe, alcuni in colori fluorescenti per renderti più visibile.

Esercitati con le quattro "r". “Molti ciclisti di lunga distanza conoscono e praticano le tre r di fermarsi ogni ora a reidratare, fare rifornimento e ripetere”, dice Paolo. La Skin Cancer Foundation consiglia a tutti di riapplicare la protezione solare ogni due ore o più spesso se si sta sudando. “Quindi per i ciclisti”, dice Paul, “perché non aggiungere un'altra r quando si fermano ogni ora e riapplicare quella crema solare?"

La sua misura del successo? Quando viene in ufficio il lunedì ei suoi colleghi gli chiedono se ha guidato durante il fine settimana, perché non vedono alcun cambiamento in quella pelle chiara irlandese.

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati