Notizie su sole e pelle

Sai cosa sta vivendo sulla tua pelle?

A cura di Skin Cancer Foundation • 29 agosto 2022


È un'intera comunità di organismi! Probabilmente hai sentito parlare del microbioma intestinale, ma potresti non sapere di avere anche un microbioma cutaneo. Come il diluvio di ricerche sul microbioma intestinale, una nuova ricerca sul microbioma cutaneo sta scoprendo come monitorare e gestire questi microbi a nostro vantaggio, forse anche per prevenire e curare cancro della pelle.

“Non possiamo pensare che la pelle sia giusta us", afferma Richard Gallo, MD, PhD, illustre professore e presidente fondatore del Dipartimento di Dermatologia presso l'Università della California, San Diego. "Le cellule umane che esistono nella pelle si sono evolute per cooperare o combattere le cellule microbiche, come batteri, virus e funghi che interagiscono con le cellule della pelle".

Richard Gallo, MD, PhD

Richard Gallo, MD, PhD e i suoi colleghi hanno studiato come l'aggiunta di un batterio specifico alla pelle può ridurre l'infiammazione e un altro tipo potrebbe persino uccidere le cellule tumorali.

Tutte quelle cellule microbiche - minuscoli esseri viventi che possono essere visti solo con un microscopio - interagiscono per formare il microbioma cutaneo. Il microbioma cutaneo interagisce con le tue cellule e può influenzare la tua salute in molti modi, buoni e cattivi.

Quando tutte le tue cellule e microbi sono felicemente in equilibrio, ti senti sano. Gli scienziati la chiamano omeostasi. "Le malattie infettive rappresentano il fallimento dell'omeostasi", afferma il dott. Gallo. "Questo è quando un microbo che normalmente potrebbe vivere benignamente intorno a noi perde l'equilibrio e causa la malattia."

A volte è un virus che interrompe l'omeostasi. La maggior parte delle ricerche sui virus sulla pelle, secondo il dottor Gallo, è stata sui loro effetti negativi, incluso il modo in cui contribuiscono al formazione di tumori della pelle. “Ad esempio, la capacità dei ceppi di HPV [papillomavirus umano] di portare alla trasformazione a lungo termine delle cellule è stata conosciuto da tempo, dice.

Invece di concentrarsi sui residenti dannosi, il dottor Gallo ha diretto la sua ricerca verso possibili sani. "Ci siamo concentrati sui batteri poiché ci sono più prove che suggeriscono che potremmo essere in grado di ottenere aspetti benefici da quelli", dice.

Nel 2021, il dottor Gallo e i suoi colleghi hanno pubblicato due studi (uno in JAMA Dermatologia, l'altro dentro Nature Medicine) dimostrando che potrebbero ridurre con successo l'infiammazione della pelle nei pazienti con dermatite atopica (eczema) trasferendo un batterio molto specifico sulla pelle colpita. Sebbene questo sia simile, in sostanza, ai probiotici - integratori di batteri che ingerisci o applichi per aiutare a bilanciare il tuo microbioma - il dottor Gallo non ama quel termine. "Ci piace chiamare questa 'terapia batterica', per riflettere maggiormente sul fatto che si tratta di un farmaco specifico progettato per uno scopo specifico", spiega. "Dire un 'approccio probiotico' sembra un po' vago su quali siano i meccanismi".

Mentre i trattamenti per le condizioni infiammatorie possono richiedere solo pochi anni, più avanti c'è una terapia batterica per il cancro della pelle. Alcuni anni fa, La squadra del dottor Gallo ha scoperto che un certo ceppo dei batteri Staphylococcus epidermide (S. epidermide) produce una sostanza chimica chiamata 6-HAP. Hanno scoperto che il 6-HAP potrebbe uccidere le cellule tumorali e solo le cellule tumorali, anche quando erano presenti cellule normali.

Sfortunatamente, solo il 20% circa degli esseri umani ha batteri sulla pelle che producono naturalmente 6-HAP. "Il prossimo passo del progetto è se possiamo o meno dimostrare che la normale presenza dei batteri che producono 6-HAP significa una diminuzione dello sviluppo del cancro della pelle", afferma il dott. Gallo. "Abbiamo alcune prime osservazioni che suggeriscono che potrebbe essere vero, ma deve essere uno studio enorme per renderlo un caso forte, quindi ci vorrà del tempo".

Accanto a quello studio a lungo termine, il dottor Gallo vuole capire se esiste un modo per creare una terapia batterica 6-HAP per gli esseri umani. I suoi studi sui microbiomi cutanei dei topi hanno mostrato risultati promettenti. Mentre queste terapie batteriche sarebbero una notizia straordinaria per la prevenzione e il trattamento del cancro della pelle, il dottor Gallo sottolinea che richiederanno anni di ricerca e molti finanziamenti.

Cosa puoi fare per il tuo microbioma cutaneo 

"Pensiamo che tutto ciò che migliora la salute della pelle si tradurrà in un migliore monitoraggio da parte del sistema immunitario e altre cose che ora sappiamo sul controllo del cancro della pelle", afferma il dott. Gallo. "L'industria cosmetica per la cura della pelle si basa sulla scienza fondamentale svolta dai ricercatori per l'efficacia, la tollerabilità e la bassa tossicità nei loro prodotti", afferma. Ecco cosa dovresti sapere:

Sulla base della ricerca scientifica, le aziende cosmetiche ora offrono molti prodotti etichettati come "probiotici", nonché prodotti che contengono determinati enzimi benefici e/o peptidi, tipi di proteine ​​prodotte dalle cellule umane o microbiche.

Ci sono anche prove che i prodotti topici contenenti retinoidi, come un siero per il viso, possono giovare al tuo sistema immunitario attraverso i loro effetti sul microbioma cutaneo.

Alcuni microbi preferiscono le parti più grasse del viso (come il naso) e altri preferiscono le parti più secche (come le guance). Le aziende cosmetiche stanno studiando come indirizzare questi diversi "climi" del microbioma cutaneo in modo che ognuno sia nel proprio giusto equilibrio.

Non devi preoccuparti di lavare via gli "insetti buoni" sulla tua pelle (o di usare troppo disinfettante per le mani). "La maggior parte dei microbi è protetta nei follicoli della pelle", afferma il dott. Gallo. "Regimi delicati per la cura della pelle e persino il lavaggio eccessivo delle mani a breve termine probabilmente non stanno danneggiando il microbioma".


Presentato nel 2022 Skin Cancer Foundation Journal

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati