Notizie su sole e pelle

Tecnologie emergenti per i tumori della pelle ad alto rischio: strumenti per un processo decisionale informato

By Victoria Kopec • 1 settembre 2022
Chiuda sull'uomo d'affari che indica la compressa digitale nella riunione della messa in scena del melanoma

I progressi della scienza e della tecnologia stanno trasformando il modo in cui i medici comprendono, diagnosticano e curano i tumori della pelle. Da scansione totale del corpo ai test genomici, le tecnologie emergenti stanno aiutando i dermatologi a prendere decisioni più informate per migliorare i risultati sanitari e l'esperienza del paziente.

Al centro di tutto ci sono i dati. Sempre più spesso, i medici hanno accesso a big data: informazioni personalizzate e precise per ottimizzare il rilevamento del cancro della pelle e la gestione del paziente. L'obiettivo finale è aiutare i pazienti a vivere una vita più lunga e più sana.

Questa è una notizia particolarmente buona per i pazienti a maggior rischio di tipi più gravi di cancro della pelle, così come quelli con diagnosi di tumori della pelle ad alto rischio di ritorno (ricorrenti) o diffusione (metastatizzanti).

Continua a leggere per ulteriori informazioni sulle tecnologie emergenti che stanno aiutando i medici a migliorare il livello di assistenza ai pazienti.

Informazioni genomiche personalizzate

Gli scienziati hanno sviluppato test genomici che forniscono a dermatologi e oncologi informazioni sulla biologia molecolare dei tumori nei pazienti con tumori della pelle più aggressivi, tra cui melanomi invasivi e ad alto rischio carcinomi a cellule squamose (SCC).

I test analizzano le informazioni genetiche dal tumore primario di un paziente. I dati aiutano i medici a prevedere meglio se il cancro tornerà o meno dopo il trattamento e se si diffonderà o meno ad altre parti del corpo. Inoltre, i test forniscono una maggiore visione specifica del paziente non disponibile attraverso la tradizionale stadiazione del cancro. Gli attuali sistemi di stadiazione utilizzano informazioni cliniche e rapporti di laboratorio e li confrontano con i dati basati sulla popolazione per arrivare alla possibilità di recupero di un paziente, nota anche come prognosi.

Cosa dovresti sapere

I test di profilazione dell'espressione genica non sono per tutti coloro con diagnosi di cancro della pelle. I test sono progettati per i tumori del melanoma invasivo e i tumori del carcinoma a cellule squamose con comprovati fattori di rischio.

Cos'è un SCC ad alto rischio?
  • Tumori di diametro superiore a 2 cm
  • Tumori che invadono oltre il grasso sottocutaneo
  • Tumori che crescono intorno a un nervo
  • Tumori scarsamente differenziati, il che significa che le cellule tumorali appaiono molto anormali o disorganizzate al microscopio

Cosa significa questo?

Stadio iniziale, melanomi superficiali non sono idonei per il test. Allo stesso modo, primi SCC non sono testabili. Attualmente non sono disponibili test per i carcinomi basocellulari aggressivi o Carcinomi a cellule di Merkel.

Come funziona

Quando appropriato, il medico ordina il test. Il test misura l'attività di dozzine di geni utilizzando un campione di tessuto precedentemente rimosso dal tumore del paziente durante una biopsia o un intervento chirurgico escissionale. Queste informazioni genetiche sul tumore sono integrate con un sofisticato algoritmo guidato dall'intelligenza artificiale per arrivare a una valutazione di quanto aggressivamente potrebbe comportarsi un tumore. Una volta completato, i risultati del test (compreso un punteggio) vengono inviati direttamente al medico.

"Questi test stanno emergendo per fornire una stratificazione del rischio indipendente per le metastasi e anche per il rischio individuale di recidiva di quel tumore", afferma Allan C. Harrington, MD, chirurgo di Mohs presso Anne Arundel Dermatology ad Annapolis, nel Maryland. "Possiamo esaminare questi punteggi dei test per prevedere meglio la sopravvivenza libera da melanoma a cinque anni e la sopravvivenza libera da metastasi per ciascun paziente".

Perché è importante

I test consentono ai medici di combinare un punteggio del profilo di espressione genica con approcci tradizionali, come la revisione della storia del paziente, la stadiazione e i risultati di laboratorio, per personalizzare la cura del paziente:

  • Aiutare il medico a prevedere meglio la prognosi del paziente.
  • Guidare il medico per determinare i piani di gestione del paziente meglio informati, compresa la frequenza con cui un paziente vede un medico, la strategia per il monitoraggio del tumore, opzioni di trattamento e la necessità di ulteriori test, tra cui l'imaging e, nel caso di pazienti affetti da melanoma, biopsie del linfonodo sentinella.

"Possiamo esaminare questi punteggi dei test per prevedere meglio la sopravvivenza libera da melanoma a cinque anni e la sopravvivenza libera da metastasi per ciascun paziente".

Secondo il dottor Harrington, il test può anche ridurre la probabilità che un tumore venga erroneamente identificato come a basso rischio utilizzando la stadiazione tradizionale, quando in realtà il tumore ha una significativa possibilità di metastatizzare.

"Ho avuto un paziente che si è presentato con un melanoma che sarebbe tipicamente in una buona categoria prognostica", spiega. “Tuttavia, il tumore del paziente aveva un punteggio del test più alto. Sappiamo che se riusciamo a diagnosticare pazienti con malattia metastatica quando non è sintomatica, questi pazienti hanno molte più possibilità di sopravvivenza. Quindi, questo paziente è qualcuno che stiamo immaginando e seguendo molto più da vicino.

Dal punto di vista del paziente, i test possono fornire tranquillità sotto forma di chiarezza sulla gravità del cancro della pelle e sui prossimi passi per la gestione e il trattamento.

"Abbiamo pazienti che sono molto sollevati per quanto riguarda la previsione della loro prognosi", afferma il dott. Harrington. "Fornire loro il loro rischio biologico è significativo e può essere un grande sollievo dallo stress".

Se ti è stato diagnosticato un melanoma invasivo o un carcinoma a cellule squamose ad alto rischio e sei preoccupato per la tua prognosi, puoi chiedere al tuo dermatologo se trarrai beneficio da questo tipo di test.

Ulteriori informazioni sulla tecnologia di profilazione dell'espressione genica.

Tecnologia di imaging di precisione

Il rilevamento del cancro della pelle è un processo visivo. E mentre i dermatologi sono esperti nell'identificare i tumori della pelle, i dispositivi di imaging ad alta tecnologia come total body scanner può fornire ulteriori dati di precisione per aiutare i medici a monitorare e gestire determinati pazienti.

Cosa dovresti sapere

I total body scanner sono una tecnologia sofisticata per lo screening del melanoma e la sorveglianza continua. Non sono né ampiamente disponibili, né comunemente usati. Ma per i medici con pazienti molto alto rischio per il melanoma, possono fornire dati all'avanguardia.

Come funziona

Decine di fotocamere digitali scattano foto ad alta risoluzione dell'intero corpo del paziente, mentre un avanzato software di elaborazione delle immagini crea un modello digitale 3D del corpo, mostrando ogni neo o macchia sullo schermo di un computer. I medici possono ingrandire per dettagli ancora più ravvicinati che possono aiutarli a identificare i tumori della pelle molto precoci e monitorare i nei in evoluzione.

Perché è importante

Poiché la dermatologia è una specialità visiva, i progressi nell'imaging possono portare un enorme valore per i pazienti ad alto rischio di melanoma. Se combinati con controlli cutanei di routine, regolari esami cutanei professionali e anamnesi del paziente, questi dispositivi possono aiutare i dermatologi a monitorare i pazienti ad alto rischio nel tempo e individuare precocemente il melanoma o altri tumori della pelle, quando sono più facili da trattare e curare.

Ulteriori informazioni sulla tecnologia di imaging.

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati