Notizie su sole e pelle

"Ho perso il mio gatto a causa del cancro della pelle"

A cura di Skin Cancer Foundation • 7 agosto 2023


I nostri amati animali domestici possono scottarsi e sviluppare anche il cancro della pelle. Una scrittrice riflette sulla perdita del suo gatto a causa della malattia e su ciò che spera che gli altri imparino da essa.

Di Barbara Peck  

Il dolore è duro. Vuoi che si fermi, ma non sai come ottenere la chiusura. Dopo aver perso la mia amata gatta, Polly, a causa di un cancro della pelle, le lacrime sgorgano al minimo ricordo. La vedo ancora con la coda dell'occhio. E mi chiedo se ho ritardato troppo il suo intervento chirurgico.  

Polly è stata una gatta fortunata ad atterrare con me nel novembre 2018. Un amico stava percorrendo una strada di campagna nelle Catskills di New York quando ha notato un piccolo gatto tartarugato tra gli alberi. George di buon cuore ha accostato, ha aperto la portiera della macchina e lei è saltata dentro! Chiaramente, era stata l'animale domestico di qualcuno, ma ora si era persa e aveva bisogno di una casa. 

Amore a prima vista: Barbara e Polly hanno legato subito.

Poiché non esisteva un gruppo di salvataggio per gatti nella zona, George ha postato su Facebook il gatto, chiedendo se qualcuno la riconoscesse o la volesse. Nessuno l'ha reclamata. George e sua moglie avevano due gattini e sentivano di non aver bisogno di un altro. Ho visto le sue foto e ho pensato: "Potrebbe essere il mio nuovo gatto!" Sono stato senza gatto per circa un anno e qualcosa di questa piccola creatura mi ha parlato. George ha colto al volo la mia offerta e si è persino offerto di accompagnarla a casa mia a New York City. 

Abbiamo legato subito. Il mio veterinario ha stimato la sua età tra 3 e 4 anni e ha confermato che era sana. Era fortunata, essendo atterrata con un amante dei gatti per tutta la vita che ha persino un piccolo cortile recintato - a Manhattan! Non l'ho lasciata uscire fino a primavera e l'ho tenuta d'occhio, ma una volta concesso il privilegio, non ha mai saltato la recinzione. "È una persona intelligente", direi. "Sa quando sta bene."  

A Polly piaceva essere una gattina di città con un po' di giardino. Ma poi, a fine giugno 2022, ho notato un gonfiore sul collo. Il veterinario di Polly ha eseguito un'aspirazione con ago sottile e ha riportato "molte cellule atipiche". Sospettava a carcinoma a cellule squamose (SCC), uno dei tumori cutanei maligni più comuni che colpiscono i gatti. L'esposizione al sole potrebbe aver causato l'SCC? Non saprò mai com'era stata la sua vita a Catskills, ma il mio cortile è circondato da grattacieli, quindi lì ha preso un bel po' di sole. 

L'escissione chirurgica sarebbe il trattamento più vantaggioso, mi ha detto il veterinario, ma prima avrebbero dovuto determinare fino a che punto si era diffuso il tumore e se era rimovibile. Opzioni palliative includeva un'iniezione di steroidi o un'iniezione intralesionale per ridurre la massa, o costose chemio o radioterapia. Non ha detto che il trattamento era urgente. Avevamo programmato un viaggio di famiglia più avanti nel mese, quindi siamo andati avanti (lasciando mio figlio Oliver a casa per prendersi cura di Polly). 

Ad agosto è tornata dal veterinario. Una radiografia ha mostrato che la massa non si era diffusa, ma l'ecografia ha indicato che era coinvolta un'arteria carotide, uno dei due principali vasi sanguigni che inviano sangue alla testa. Questo non è stato un rompicapo; se procedessimo con l'intervento, Polly potrebbe sopravvivere con una sola carotide. L'ospedale veterinario ha inviato un preventivo e mi sono consultato con i miei figli, che hanno ritenuto che operarsi fosse la decisione giusta. Ma ho pensato di rimandare un po', poiché il veterinario aveva detto che se mangiava e beveva bene e non soffriva apparentemente, ritardare il trattamento andava bene. È facile negare una malattia quando il paziente sembra stare bene.  

Ma il corso del cancro può cambiare rapidamente. Una mattina, abbiamo notato che il gonfiore sul suo collo si era rotto e il fluido stava fuoriuscendo. Polly non stava mangiando. L'ufficio del mio veterinario era chiuso, quindi sono andato in taxi a una clinica per animali domestici di emergenza a Midtown. Lì, un veterinario ha ripulito quella che probabilmente era un'infezione e ha somministrato antibiotici e antidolorifici. Sapevo che era ora di investire in un intervento chirurgico per la mia dolce ragazza.  

La mattina dell'intervento, il veterinario ha chiamato con cattive notizie. Il tumore si era metastatizzato ed era entrato nella sua gola. Questo sviluppo ha indicato che la chirurgia non avrebbe avuto successo. Il veterinario ha suggerito che era ora di salutarci e sapevo che dovevo accettare l'inevitabile. Con il dolore nel cuore, l'ho abbracciata, l'ho accarezzata e le ho detto quanto l'amavo. Sono rimasto sorpreso da quanto forte ha fatto le fusa prima che lasciassi che lo staff compassionevole prendesse il sopravvento. 

Non c'è niente di buono nel perdere un amato animale domestico. Gli amici consigliano di adottare subito un altro gatto; altri suggeriscono di prendersi del tempo per addolorarsi. Sono nel mezzo mentre scrivo questo. Certo, mi manca ancora. Ho imparato da questa esperienza che anche i giovani gatti possono ammalarsi gravemente, proprio come le persone. Se raccontare la storia di Polly incoraggia chiunque a consultare un veterinario quando avverte che qualcosa non va nelle abitudini o nel comportamento del proprio animale domestico - o ad essere più vigile nel controllare la propria pelle - questo mi darebbe conforto.  

Polly adorava il suo cortile sicuro e recintato a New York City, dove poteva annusare i fiori, guardare gli uccelli e sedersi al telegiornale, dice Barbara.

Ottenere il trattamento 

Le opzioni di trattamento per il cancro della pelle di cani e gatti sono simili a quelle per le persone, afferma Jill Abraham, VMD, veterinaria di New York City.

Di solito è necessario un intervento chirurgico, anche se a volte la chirurgia laser è un'opzione. Le radiazioni possono essere una possibilità per alcuni tumori della pelle. E la crioterapia, la chirurgia laser o i trattamenti topici sono opzioni per i punti precancerosi (sì, anche gli animali domestici li prendono).

E con i progressi nei farmaci immunoterapici, ci sono oncologi veterinari che salvano anche la vita di amati animali domestici con tumori della pelle avanzati.

Guarda il nostro (umano) Glossario del trattamento per maggiori informazioni. 


Prevenzione degli animali domestici
 

Il modo migliore per prevenire il cancro della pelle è proteggere la pelle dal sole, ed è lo stesso per i nostri amici pelosi. Ecco alcuni suggerimenti supportati dai veterinari per proteggere gli animali domestici.  

  • Ombra. La migliore protezione per gli animali domestici, dicono i veterinari, è fornire loro ombra tutto l'anno e tenerli al riparo dal sole. Inoltre, poiché gli animali non sudano come fanno le persone, è più difficile per loro rinfrescarsi. Non dimenticare molta acqua per gli animali domestici all'aperto. "E non lasciare mai un animale domestico in un'auto incustodita", afferma il dottor Abraham. 
  • Capi di abbigliamento. Per gli animali domestici che devono stare al sole, prendi in considerazione l'abbigliamento. "Sempre più aziende stanno producendo rash guard e indumenti protettivi solari per cani", afferma il dott. Abraham. “Potrebbero essercene alcuni in cui i gatti potrebbero adattarsi, se riesci a farli tollerare! Anche T-shirt con protezione dai raggi UV che sono fatti per le persone potrebbero essere un'opzione per alcuni cani. E conosco almeno un'azienda che produce occhiali protettivi dal sole per cani. 
  • Trattamento delle finestre. Ricorda che le finestre consentono anche ai pericolosi raggi UV di penetrare, sia a casa che in macchina, quindi potresti prendere in considerazione l'idea di ottenerli pellicola di protezione solare o tende per le finestre. 
  • Crema solare. Dina Rovere, VMD, veterinaria presso l'Happy Tails Veterinary Hospital di Shrewsbury, nel New Jersey, consiglia la protezione solare per gli animali domestici che staranno molto fuori: "Supponiamo che stiano facendo una lunga escursione sulla spiaggia ed è mezzogiorno, assolutamente . Dico alle persone di mettere la protezione solare sul naso e sulle parti delle orecchie esposte al sole. Fai quello che puoi per proteggerli”. Il dottor Abraham dice: "È meglio distrarre l'animale mentre il prodotto si asciuga completamente, quindi è meno probabile che lo ingeriscano". Raccomanda una crema solare fatta per cani e gatti. Gli animali domestici non sanno di non mangiare la crema solare!

Barbara Peck è un editore e scrittore che vive a New York City. Mentre scriveva questo, si stava godendo due nuovi gatti che ha adottato, ma Polly le manca ancora molto. 

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati