Notizie su sole e pelle

Il melanoma nella sua forma più curabile

A cura di Skin Cancer Foundation • 25 maggio 2021
due giovani uomini felici che corrono

La recente ricerca dei nostri autori mostra che il melanoma in situ, la prima forma della malattia, è in aumento, soprattutto tra i giovani. Ecco perché questa è una cattiva notizia e una buona notizia, e ciò che tutti (non solo gli uomini) devono sapere per stare al passo.

By H. WILLIAM HIGGINS II, MD, MBE, e DAVID LEFFELL, MD

Cresciuto in Texas, Jim non era estraneo all'esposizione al sole. Atleta tutto l'anno, ha anche trascorso molte estati a decorare paesaggi ed era orgoglioso della sua abbronzatura color bronzo dorato. Per ottenere questo aspetto, si è scottato di proposito durante la sua prima intensa esposizione al sole in primavera, pensando che sarebbe stato un buon inizio per mantenere l'abbronzatura per tutta l'estate. Ha anche frequentato i saloni di abbronzatura durante l'inverno per continuare.

Quando la madre di Jim notò una macchia sulla sua guancia che non aveva mai visto prima, gliela fece notare. Era marrone scuro, delle dimensioni di una gomma da matita, e aveva una forma irregolare. A prima vista sembrava una nuova lentiggine o neo. Quando ha continuato a crescere, Jim si è preoccupato e ha visitato un dermatologo. A soli 29 anni, è rimasto scioccato quando i test hanno mostrato che aveva il melanoma, un cancro che si sviluppa nelle cellule che producono il pigmento della pelle.

È stato fortunato, però. Era melanoma in situ: il tumore non aveva invaso oltre l'epidermide, lo strato più esterno della pelle. La prima forma di melanoma (considerata stadio 0), è la più facile da trattare e quasi sempre curabile. Se Jim avesse aspettato ancora prima di vedere il dottore, sarebbe potuta andare molto peggio.

Chi è a rischio

I miei colleghi ed io abbiamo studiato le tendenze del melanoma in situ. Il nostro rapporto 2015 in Ufficiale dell'American Academy of Dermatology ha scoperto che negli ultimi tre decenni, con il costante aumento del numero di casi complessivi di melanoma diagnosticati, il melanoma in situ ha costituito una grande quantità di questo aumento. Abbiamo anche notato un tasso di aumento più rapido nei giovani di età compresa tra 20 e 49 anni rispetto agli anziani e negli uomini rispetto alle donne.

Ciò significa persone come Jim. Condividiamo con voi la sua storia perché vogliamo che tutti siano consapevoli dei pericoli del melanoma e di quanto sia cruciale la diagnosi precoce è. E vogliamo lanciare un campanello d'allarme speciale ai giovani, la cui incidenza di melanoma in tutte le fasi è alle stelle, e soprattutto ai giovani uomini, noti per stare lontani dai medici fino a quando non si trova di fronte a un'emergenza. Non esiste un buon melanoma, ma prima lo prendi, meglio è.

In generale, le persone che hanno i capelli rossi o la pelle chiara, che hanno molti nei, che tendono a scottarsi rapidamente al sole e che hanno avuto scottature solari gravi o con vesciche sono a maggior rischio di melanoma in situ. C'è anche una componente genetica, quindi il rischio è maggiore anche se hai un parente stretto con una storia di melanoma.

Che aspetto hanno

I melanomi in situ tendono ad essere piatti e asimmetrici con bordi irregolari. Possono essere neri, marroni, abbronzati, grigi o anche rosa se la persona ha la pelle molto chiara. Le aree che ricevono la maggiore esposizione al sole, come il cuoio capelluto, il viso e il collo, hanno maggiori probabilità di sviluppare il melanoma in situ rispetto alle braccia o alle gambe. Tuttavia, anche le aree non esposte al sole, come i glutei, sono a rischio. Non sempre comprendiamo le cause di questi melanomi, anche se l'ereditarietà può svolgere un ruolo. Per rilevare il melanoma in situ il prima possibile, è utile monitorare la propria pelle. Gli autoesami dalla testa ai piedi sono un buon punto di partenza, comprese le aree dove il sole non splende. Quando valuti la tua pelle, concentrati sugli ABCDE del rilevamento del melanoma. A sta per asimmetriaB per irregolare frontiereC per più di uno coloreD per diametro maggiore di 6 mm (circa ¼"), o la dimensione di una gomma da matita; e E per evoluzione, che significa qualsiasi lesione che è nuova o mutevole. Visualizza foto utili che mostrano gli ABCDE del melanoma.

I millimetri contano

Per diagnosticare il melanoma in situ (o qualsiasi melanoma), un medico esegue una biopsia sul punto sospetto, rimuovendo il tessuto e inviandolo a un laboratorio per essere interpretato da un dermatopatologo qualificato. La diagnosi di melanoma in situ di Jim significava che l'intervento chirurgico era tutto ciò di cui aveva bisogno. Mentre la chirurgia sul viso non è mai una buona notizia, la nostra ricerca ha dimostrato che i pazienti con melanoma in situ hanno la stessa aspettativa di vita della popolazione generale. Tuttavia, sappiamo anche che persone come Jim corrono un rischio maggiore di sviluppare futuri tumori della pelle, inclusi melanomi più gravi e invasivi.

melanoma in situ

Stai all'erta – I melanomi in situ sono generalmente piatti e asimmetrici, con bordi irregolari. Possono essere neri, marroni, marrone chiaro, grigi o persino rosa.

Contrariamente a quello che aveva Jim, i melanomi invasivi sono tumori che sono penetrati oltre l'epidermide nello strato più profondo della pelle chiamato derma. Il melanoma è una battaglia di millimetri. I melanomi in situ non si diffondono ad altre parti del corpo o causano la morte, ma se il tumore ha l'opportunità di crescere anche di un millimetro di profondità nella pelle, può portare a un trattamento più complesso e a un pericolo maggiore. Se non trattata, può metastatizzare e persino diventare pericolosa per la vita. La diagnosi precoce può fare la differenza.

Il melanoma in situ è ​​anche associato allo sviluppo di ulteriori tumori. Questi tumori secondari includono il cancro del labbro, il linfoma di Hodgkin e la leucemia/linfoma. Il tempo medio per la diagnosi di un tumore secondario è di 14 anni, il che evidenzia l'importanza di controlli regolari con il proprio medico. Per coloro che hanno una storia di melanoma in situ, raccomandiamo esami regolari e professionali di tutto il corpo almeno una o due volte l'anno. Suggeriamo inoltre di controllare la propria pelle dalla testa ai piedi una volta al mese per eventuali lesioni sospette. Lo stesso vale per chiunque sia a più alto rischio di sviluppare il cancro della pelle.

Frodi

Il modo migliore per mantenere la pelle sana e aiutare a prevenire il melanoma in situ è ​​praticare una protezione solare completa. Ciò include la ricerca dell'ombra durante le ore di punta del sole (dalle 10:4 alle 15:30), l'uso quotidiano di una protezione solare ad ampio spettro SPF XNUMX o superiore (SPF XNUMX o superiore, resistente all'acqua, protezione solare ad ampio spettro per esposizioni prolungate all'aperto) e l'uso di un'ampia cappello a tesa larga, occhiali da sole con filtro UV e altri indumenti protettivi. La routine della protezione solare dovrebbe includere la riapplicazione ogni due ore durante l'attività all'aperto. Visualizza suggerimenti dettagliati sulla prevenzione del cancro della pelle.

Qual è il Takeaway?

L'incidenza del melanoma è in aumento nelle persone di età compresa tra 20 e 49 anniSe hai una storia di esposizione solare prolungata o altri fattori di rischio per il melanoma in situ, è fondamentale essere diligenti sulla protezione solare quotidiana e vedere regolarmente un dermatologo. Tra una visita e l'altra, dovresti monitorare la tua pelle ogni mese per il ABCDE di melanoma.

Uomini tra i 20 ei 30 anni, stiamo parlando in particolare con te. Sei nel gruppo di persone che mostrano l'aumento più rapido dell'incidenza del melanoma in situ. Aumentare e prendere precauzioni per evitare il melanoma invasivo, che quest'anno ucciderà più di 10,000 persone negli Stati Uniti. Fidati del tuo istinto e se trovi un punto sospetto o una nuova lesione, consulta immediatamente un dermatologo. In caso di dubbio, dai un'occhiata!


H. William Higgins II, MD, MBEè professore assistente presso il Dipartimento di Dermatologia, Mohs Micrographic Surgery & Cutaneous Oncology, Alpert Medical School della Brown University, Providence, Rhode Island.

David J. Leffell, medicoè David Paige Smith professore di dermatologia, chirurgia plastica e otorinolaringoiatria e capo sezione, Chirurgia Dermatologica e Oncologia Cutanea, Yale School of Medicine, New Haven, Connecticut. È autore di Pelle Totale ed ex vicepresidente della Skin Cancer Foundation.

Grafica del diario della Skin Cancer Foundation
*Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel Numero 2016 di The Skin Cancer Foundation Journal.

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati