Notizie su sole e pelle

Bambini protetti dal sole

A cura di Skin Cancer Foundation • 13 settembre 2016
Donna con la spiaggia dei neonati

L'istinto dei genitori è quello di proteggere i loro neonati e bambini dai pericoli. Eppure i nostri esperti riferiscono che troppi bambini si abbronzano e si scottano. Qui, offriamo i loro semplici consigli per prevenire danni alla pelle del tuo bambino che potrebbero portare al cancro della pelle.

By MD FLETA N. BRAY, MD KEYVAN NOURI, ed COLLEGHI

Melissa Flesher, madre di due bambini a Topeka, Kansas, sa in prima persona quanto può essere pericoloso il sole. Ricorda di essere stata scottata dal sole da bambina dalle gite estive quotidiane in piscina con gli amici. Ha anche usato lettini abbronzanti al liceo e all'università. Nel 2010, quando aveva 36 anni e sette mesi di gravidanza, le è stato diagnosticato un melanoma in stadio I nella parte posteriore della coscia. Fortunatamente il suo medico l'ha preso presto, ma è stato un campanello d'allarme spaventoso. Ora che Melissa e suo marito Ryan hanno due figli che hanno ereditato la stessa pelle chiara che hanno lei e Ryan, si preoccupa di proteggerli.

Neonati a rischio

Rosse a rischioHa ragione ad essere preoccupata. La ricerca mostra che alcuni bambini vengono esposti ai dannosi raggi ultravioletti (UV) del sole nei primi sei mesi di vita, quando la loro pelle è più vulnerabile. Quando il nostro team di ricerca presso l'Università di Miami ha intervistato i genitori locali su quanto proteggessero i loro bambini dal sole, i risultati sono stati allarmanti. Gli sforzi di molti genitori sono stati incoerenti. Peggio ancora, abbiamo scoperto che ben un terzo dei genitori è attivo è aumentato l'esposizione al sole dei loro bambini ogni giorno, credendo erroneamente che avrebbe costruito la tolleranza dei loro bambini ai raggi del sole. Di conseguenza, il 12% dei genitori ha riferito che la pelle dei loro bambini si era abbronzata prima dei 6 mesi e il 3% ha affermato che i loro bambini erano stati scottati dal sole.

Esistono prove evidenti che l'esposizione al sole e le scottature solari durante l'infanzia moltiplicano il rischio di sviluppare un giorno il cancro della pelle, incluso il melanoma. Mentre il melanoma si sviluppa ancora raramente prima dei 20 anni, l'incidenza nei bambini e negli adolescenti sta aumentando rapidamente. La pelle di tutti i neonati (non solo quelli che hanno la pelle chiara) è particolarmente vulnerabile ai danni del sole. Ciò è in parte dovuto al fatto che non hanno ancora sviluppato tutta la melanina - il pigmento naturale della pelle che fornisce una certa protezione solare - che avranno quando invecchieranno.

Come proteggere il tuo bambino

Poiché la pelle dei neonati è così sensibile, nei primi sei mesi è meglio proteggerli dal sole piuttosto che usare creme solari. È particolarmente importante evitare l'esposizione diretta al sole e cercare l'ombra durante le ore di maggiore intensità solare, tra le 10:4 e le XNUMX:XNUMX. Durante le passeggiate, tieniti sul lato ombreggiato della strada e usa la protezione solare del passeggino.

È anche meglio vestire regolarmente il tuo bambino con un cappello a tesa larga e vestiti leggeri che coprano completamente le braccia e le gambe. La nostra ricerca presso l'Università di Miami ha rilevato che mentre la maggior parte dei genitori (83%) cerca di tenere i bambini sotto i 6 mesi all'ombra, è meno probabile che coprano il proprio bambino in modo coerente con cappelli (solo il 43% lo ha fatto), magliette a maniche lunghe e pantaloni lunghi (solo il 40 percento lo faceva). Anche gli occhiali da sole che filtrano i raggi UV sono estremamente importanti, poiché la melanina negli occhi dei bambini si sta ancora formando. (Molti negozi vendono versioni a misura di bambino con cinturini elastici morbidi per tenere gli occhiali.)

I viaggi in auto possono portare a un'esposizione al sole involontaria, anche. Mentre il vetro scherma la maggior parte dei raggi UVB, la causa principale delle scottature, i raggi UVA possono penetrare nelle finestre. Come i raggi UVB, i raggi UVA danneggiano il DNA e possono portare al cancro della pelle. Per legge, i parabrezza anteriori sono trattati per filtrare la maggior parte dei raggi UVA, ma generalmente i finestrini laterali e posteriori non lo sono. Prendi in considerazione l'acquisto di uno schermo UV, che puoi appendere a qualsiasi finestra che consenta alla luce solare di raggiungere il seggiolino dell'auto. Oppure, prendi in considerazione pellicole protettive per vetri professionali (ma controlla le normative locali per queste). Altrimenti, è meglio che il tuo bambino indossi indumenti protettivi dal sole in macchina.

La protezione solare per i bambini inizia a sei mesiInizia la protezione solare a 6 mesi

Una volta che il tuo bambino raggiunge i 6 mesi di età, è il momento di introdurre i filtri solari. Scegli una crema solare resistente all'acqua ad ampio spettro che offra un fattore di protezione solare minimo (SPF) di 15. Guarda i principi attivi; l'ossido di zinco e il biossido di titanio sono buone scelte, perché questi filtri fisici non si basano sull'assorbimento di sostanze chimiche e sono meno inclini a provocare una reazione cutanea. Potresti voler testare la protezione solare all'interno del polso del tuo bambino. Se il bambino ha un po' di irritazione, prova un'altra crema solare. Continua a coprire il tuo bambino con un cappello e indumenti protettivi. Usa la protezione solare su tutte le aree esposte, come il dorso delle mani, il viso, le orecchie e il collo. Applica la protezione solare 30 minuti prima di uscire e riapplicala ogni due ore o più frequentemente se porti il ​​tuo bambino in piscina o se sta sudando.

Come proteggere il tuo bambino

I bambini piccoli sono difficili da catturare e tenere fermi, quindi potrebbe essere necessario essere creativi con la routine della protezione solare. La protezione solare in stick funziona bene per il viso e le mani, poiché è meno probabile che i bambini si strofinino il prodotto sugli occhi. Le creme solari spray sono popolari, ma fai attenzione ad applicare la crema solare in modo uniforme e abbondante su tutta la pelle esposta e, invece di spruzzare direttamente il viso di un bambino, spruzza la crema solare sulle mani e applicala a mano.

Continua anche a cercare l'ombra, programma il gioco all'aperto prima delle 10:4 o dopo le 30:1 e continua a coprire i bambini piccoli con cappelli, occhiali da sole e indumenti leggeri che coprano quanta più pelle possibile. Per una maggiore protezione, cerca indumenti speciali contrassegnati con un fattore di protezione dai raggi ultravioletti (UPF) di 30 o più, che consentirà solo XNUMX/XNUMXth dei raggi del sole per raggiungere la pelle.

rosse

I ragazzi di Melissa Flesher, Tyler e Dylan, si sono tolti il ​​cappello per il breve servizio fotografico.

Flesher è vigile nel proteggere i suoi figli Tyler, 5 anni, e Dylan, 18 mesi. "Mi impegno a cercare di tenerci tutti fuori dal sole e all'ombra, se possibile", dice. Ma non è sempre facile. “Il nostro primo anno di T-ball l'anno scorso ha avuto bambini di 4 anni che giocavano a mezzogiorno in pieno sole e caldo. È stato terribile! Non posso sopportare il pensiero che affrontino il cancro della pelle da adulti, come ho fatto io. In quelle situazioni, la protezione solare è la tua principale opzione per la protezione oltre a qualunque uniforme indossi la squadra: assicurati di applicarla mezz'ora prima della partita. Inoltre, anche se gli orari delle partite sono immutabili, vale la pena chiedere agli allenatori se possono provare a programmare orari di allenamento quando il sole non è al massimo dell'intensità.

Flesher si preoccupa di quando i ragazzi non sono affidati a lei. Entrambi frequentano lo stesso asilo nido, dice, “e gli insegnanti sono stati piuttosto bravi nell'applicare la protezione solare a tutti i bambini una o due volte al giorno durante la primavera e l'estate. Entrambi i ragazzi hanno anche i loro cappelli nei loro ripostigli, e i loro insegnanti insistono perché li tengano fuori, a volte con loro sgomento poiché non tutti i bambini indossano cappelli. Entrambi i ragazzi conservano anche gli occhiali da sole nella loro classe. “Tyler di solito è piuttosto bravo a chiedere e mantenere le sue 'occhiali da sole cool', ma tenere gli occhiali da sole su un bambino è una sfida”, dice.

Buone abitudini per la vita

Flesher afferma di essere ben consapevole di quanto sia importante instillare buone abitudini di protezione solare fin dalla giovane età. È preoccupata, però, per quando Tyler andrà all'asilo l'anno prossimo. "Ho sentito storie su quanto sia difficile convincere gli insegnanti di una scuola pubblica con classi numerose ad accettare di mettere la protezione solare su un bambino 'speciale'", dice. Tuttavia, dovresti applicare liberamente una protezione solare SPF 30 o superiore prima della scuola e puoi verificare con l'insegnante a intervalli ragionevoli, fornendo delicati promemoria sulla riapplicazione.

Flesher teme anche che quando i ragazzi saranno abbastanza grandi da decidere da soli quando e se indossare creme solari e indumenti protettivi, possano scegliere non fare così. "Posso solo sperare che ciò che sto insegnando loro ora siano lezioni di vita che portano avanti, praticano e insegnano ai loro piccoli".

ANCHE I BAMBINI DI COLORE HANNO BISOGNO DI PROTEZIONE

Neonati e bambini di tutti i colori della pelle hanno bisogno di protezione solare. Mentre le persone che hanno la carnagione scura sviluppano molti meno tumori della pelle rispetto a quelle che hanno la carnagione chiara, quando sviluppano tumori della pelle, è più probabile che vengano diagnosticate in una fase successiva e abbiano esiti peggiori. È anche importante ricordare che la pelle di neonati e bambini piccoli ha meno pigmento di melanina che fornisce una certa protezione solare per la pelle più scura in seguito.


Fleta N. Bray, MD, ha conseguito la laurea in medicina presso la Miller School of Medicine dell'Università di Miami nel maggio 2016 e prevede di specializzarsi in dermatologia.

Keyvan Nouri, medico, è capo dei servizi di dermatologia presso il Sylvester Comprehensive Cancer Center/University of Miami Hospital and Clinics e direttore di Mohs, chirurgia dermatologica e laser presso la Miller School of Medicine dell'Università di Miami.

Collaboratori aggiuntivi (studenti di medicina presso l'Università di Miami): Sebastian Verne, Jessica Cervantes, Alexandra Balaban, Eric R. Bray ed Brian J.Simmons

Grafica del diario della Skin Cancer Foundation
*Questo articolo è stato pubblicato su The Skin Cancer Foundation Journal 2016

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati