Notizie su sole e pelle

Il futuro della salute della pelle potrebbe essere dentro di te

A cura di Skin Cancer Foundation • 22 agosto 2022
Illustrazione del DNA. La Fondazione per il cancro della pelle. Melanoma intestinale

La tua pelle è la parte più esterna del tuo corpo, ma sapevi che è strettamente legata ad alcune delle tue parti più interne? C'è un'intera comunità di minuscoli esseri viventi nel tuo microbioma intestinale che svolgono un ruolo importante nella tua salute.

Sapevi che esiste una comunità di esseri viventi microscopici che hanno fatto del tuo corpo la loro casa? Non preoccuparti, però: per la maggior parte, i batteri, i funghi, i virus e gli archaea (un gruppo di antichi organismi unicellulari) che vivono dentro e sul tuo corpo sono tuoi amici.

Ogni comunità è conosciuta come un microbioma e gli scienziati hanno condotto un sacco di ricerche sul microbioma intestinale negli ultimi due decenni. Si scopre che il microbioma intestinale è collegato a quasi ogni aspetto della salute umana, legato a tutto, dalle malattie infiammatorie intestinali all'ansia e alla depressione e persino alla funzione del sistema immunitario.

I ricercatori hanno notato questa connessione confrontando i microbiomi intestinali dei pazienti con una malattia con quelli di persone che non avevano quella condizione. Hanno scoperto che alcune specie sarebbero presenti in quantità diverse, sovrarappresentate o sottorappresentate, o talvolta semplicemente completamente assenti. Man mano che le tecnologie di ricerca diventano più avanzate (vedi "Sequenza di eventi", di seguito), la capacità dei ricercatori di individuare le specie esatte che giocano un ruolo nel causare la condizione sta migliorando.

Cosa possono insegnarci i nostri microbi

Oltre a determinare quali specie sono responsabili di diverse malattie e risposte, i ricercatori stanno ora cercando di capire cosa stanno facendo quei microbi e in che modo le loro funzioni hanno un impatto su di noi. Per fare questo, stanno osservando ciò che i microbi producono durante la loro vita: prodotti noti come metaboliti.

"Ospitiamo questa grande comunità di microbi nel nostro intestino e tutti digeriscono rapidamente tutti i carboidrati o le proteine ​​che trovano nel loro ambiente e producono migliaia di composti diversi", spiega Alena Pribyl, PhD, scienziato senior e ricercatore presso Microba, un Azienda con sede in Australia che sta conducendo ricerche rivoluzionarie sul microbioma e su come può influire sulla salute. Alcuni di questi composti microbici vengono assorbiti attraverso le cellule che rivestono il nostro intestino e nel nostro sistema di circolazione, che li distribuisce in tutto il corpo. Possono quindi influenzare tutto, dal sistema immunitario alla pelle. Il dottor Pribyl afferma che questi metaboliti sono probabilmente il collegamento tra il microbioma e la malattia. Mentre i ricercatori hanno già scoperto alcuni dei modi in cui alcuni metaboliti microbici aiutano a regolare il sistema immunitario, molti altri effetti attendono di essere scoperti.

Nelle malattie della pelle, come la dermatite atopica (eczema), sono probabilmente coinvolti sia il microbioma cutaneo che quello intestinale. (Sì, c'è un microbioma cutaneo Anche!) I metaboliti specifici prodotti dai microbi della pelle che riducono l'infiammazione sono a livelli inferiori nelle persone con dermatite atopica. Inoltre, gli studi hanno osservato che i bambini privi dei giusti tipi di batteri intestinali perdono alcune funzioni del loro sistema immunitario e possono essere maggiormente a rischio di sviluppare questa malattia. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma la speranza è che un giorno la ricerca porti a terapie contenenti solo le specie, o anche solo i metaboliti, di cui il tuo corpo ha bisogno.

Mangiare per la salute del microbioma

Per ora, cosa possiamo fare per avere un microbioma intestinale felice e in salute? La risposta è sorprendentemente semplice. "La cosa migliore che puoi fare è seguire una dieta sana con molte diverse fonti di fibre", afferma il dott. Pribyl. "Esistono forti legami con un microbioma intestinale sano e con il consumo di una varietà di alimenti a base vegetale come noci, semi, frutta, verdura e cereali come quinoa, avena e orzo".

La ricerca sui topi ha dimostrato che la tua dieta influenza la funzione del microbioma, che a sua volta, attraverso i metaboliti, influenza la funzione del tuo sistema immunitario. Nel 2021, uno studio condotto da ricercatori del National Cancer Institute e del MD Anderson Cancer Center ha scoperto che i pazienti con melanoma in immunoterapia che mangiavano più fibre, almeno 20 grammi al giorno, sopravvivevano più a lungo senza alcun segno di peggioramento della malattia rispetto a quelli con insufficiente assunzione giornaliera di fibre. E nel 2022, un ampio studio di coorte del King's College di Londra ha scoperto che un microbioma sano, ottenuto attraverso una dieta sana, ha portato alle migliori risposte alle immunoterapie.

Anche se potrebbe sembrare che questo sia qualcosa che hai sentito per tutta la vita, il dott. Pribyl afferma: "La ricerca sul microbioma intestinale ci sta ora aiutando a capire il motivo dietro l'importanza di avere una dieta sana".

"Sequenza di eventi

OK, abbi pazienza con noi per una piccola lezione di genomica qui. Una volta che gli scienziati hanno un campione di microbioma, devono disporre degli strumenti per analizzarlo. Gli scienziati erano soliti identificare i batteri e ordinarli in gruppi di specie correlate - un genere - in base a caratteristiche che potevano vedere al microscopio, come la loro forma. Ma due specie non imparentate possono sembrare molto simili e questo metodo si basa sulla capacità di far crescere i batteri in laboratorio, cosa che non tutti i batteri amano fare.

Un modo più accurato per identificare un organismo e disegnare il suo albero genealogico è guardare il suo DNA, in un processo chiamato sequenziamento. Negli ultimi 20 anni circa, la maggior parte degli studi sul microbioma ha utilizzato un tipo di sequenziamento del DNA noto come sequenziamento dell'rRNA 16S. Il nome di questo metodo si riferisce al gene ribosomiale 16S che hanno tutti i batteri e gli archaea. I batteri strettamente imparentati condivideranno le stesse variazioni all'interno di quel gene, e quindi gli scienziati possono raggruppare con precisione le specie nel loro genere, sebbene non possano identificare con precisione le singole specie quando osservano un solo gene.

Tuttavia, nel 2004, gli scienziati hanno pubblicato un metodo per sequenziare tutto il DNA in un campione, non solo un singolo gene. Ciò ha permesso loro di identificare specie di batteri in un campione e talvolta anche sottospecie o ceppi. "Questo si chiama metagenomica, riferendosi al fatto che stai sequenziando tutti i genomi degli organismi che sono in un campione", spiega il dott. Pribyl.

Quando è stato inventato per la prima volta, questo sequenziamento era così costoso che quasi nessuno poteva farlo. Ma i prezzi del sequenziamento genico sono scesi a meno dell'1% rispetto a due decenni fa, rendendo il processo accessibile ai laboratori di tutto il mondo. Oltre all'identificazione delle specie, i ricercatori possono utilizzare questo metodo per capire quali geni sono presenti nei batteri. Questo può aiutare i ricercatori a capire cosa sta effettivamente facendo il microbioma.


Presentato nel 2022 Skin Cancer Foundation Journal

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati