Notizie su sole e pelle

Uno sbocco creativo per far fronte al cancro

By Giulia Bain • August 2, 2023


Quando il dermatologo di New York City Tamara Lazico Strugar, medico, è stato diagnosticato lo stadio IV cancro in 2022, l'ha spronata a perseguire un sogno: prendersi del tempo libero e collaborare a un progetto creativo con i suoi due figli per promuovere l'importanza della protezione solare. 

Tamara Lazic Strugar, MD, aveva pronunciato la parola "cancro" innumerevoli volte. In qualità di professore clinico associato presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, ha insegnato i dettagli del cancro della pelle a specializzandi in dermatologia e studenti di medicina per più di un decennio. Come dermatologa medica a Midtown Manhattan, aveva detto a molti pazienti che gli era stato diagnosticato un cancro della pelle. Non aveva mai immaginato, però, che avrebbe sentito la parola "c" applicata a se stessa. Nella primavera del 2022, quando ha saputo di avere un cancro al colon in stadio IV, è cambiato tutto. 

La dottoressa Lazic è sempre stata sensibile con i pazienti, dice, su come ha dato la notizia di a cancro della pelle diagnosi, se era un inizio carcinoma basocellulare o potenzialmente in pericolo di vita melanoma. Sapeva che sentirlo poteva essere scioccante e spaventoso. Quando il suo stesso cancro ha colpito, dice: "Ho iniziato a prestare maggiore attenzione a ciò che i pazienti subiscono con il cancro della pelle". Ha cambiato la sua prospettiva e l'ha motivata.  

“Volevo scrivere libri per bambini sulla salute della pelle, ma non avevo tempo libero mentre vedevo 40 pazienti al giorno. Era semplicemente impossibile. Quindi, quando è avvenuta la mia diagnosi, ho detto: 'Sai una cosa? Ora è il momento.'” Ha parlato con suo marito (un neurochirurgo affiliato a Yale) ei loro due figli, Mia, che ora ha 9 anni, e Luka, 11, che hanno accettato di aiutarla. Ha preso un congedo dalla sua pratica per concentrarsi prima sul suo trattamento, inclusi più interventi chirurgici e 24 cicli di quattro tipi di chemioterapia nei successivi 12 mesi. Nel frattempo, quando si è sentita abbastanza bene, ha iniziato a creare una serie di graphic novel illustrate intitolata Skinventurez. Ha designato il primo, L'estate urlante, concentrarsi (tra le scappatelle) su protezione solare. 

"La mia grande idea era quella di lasciare un'eredità per la mia professione e per la mia famiglia", dice. “Così ho deciso di fare dei membri della mia famiglia i personaggi. I bambini l'hanno adorato e mi hanno permesso di usare i loro nomi. La dottoressa Lazic a volte pensava che avere il cancro fosse un lavoro a tempo pieno, con ricerche, appuntamenti e cure, ma aveva del tempo libero mentre i bambini erano a scuola. Si è tuffata e ha deciso che voleva mantenere il controllo sul progetto e portarlo a termine il più rapidamente possibile con l'autopubblicazione.  

Mia e Luka hanno aiutato il dottor Lazic a inventare la trama. L'hanno aiutata ad assicurarsi che la trama e il linguaggio risuonassero con i bambini della loro età, o "almeno quelli che potrebbero considerare di leggerlo", ha detto Luka. La storia si svolge a New York City e dintorni, e i personaggi e i loro amici si divertono mentre imparano alcune cose nel modo più duro (incluso quanto può essere brutale una scottatura solare). 

La dottoressa Lazic è cresciuta nella Serbia devastata dalla guerra, quindi ha cercato e trovato un illustratore serbo per il libro, che ha catturato proprio lo stile che desiderava. Il libro è stato pubblicato nel luglio 2023 dopo circa un anno di lavoro, più un sito web da lei nominato Skinventurez andare con esso. “Volevo iniziare con la prevenzione del cancro della pelle come fulcro del primo libro, educando i giovani fin dall'inizio, che è davvero il momento di intervenire, dice. "Mi ha portato tanta gioia mentre combattevo questa battaglia molto dura." 

In che modo diventare una malata di cancro ha cambiato il tipo di dermatologa che vuole essere quando tornerà a praticare? "Pensavo di fare un ottimo lavoro", dice ridendo. “Ma ora mi rendo conto che, anche se i miei pazienti erano molto contenti di me, c'è così tanto spazio per migliorare e così poco tempo che abbiamo con loro. Voglio praticare in modo diverso e passare più tempo con i pazienti, ma non so come farlo accadere con il modo in cui il nostro sistema sanitario è impostato ora. Questo mi spaventa quando penso di tornare al lavoro”. 

Pochi giorni prima della stesura di questo articolo, la dottoressa Lazic ha appreso di avere qualche nuova metastasi al fegato: “L'ho gridato per un'ora nella mia stanza. Non riuscivo nemmeno a parlare, ero così scioccato. Poi mi sono composto e l'ho detto alla famiglia. Sanno che non nasconderò loro informazioni e sapere la verità li rende molto meno spaventosi”. 

Imparando a far fronte al cancro avanzato, il dottor Lazic dice: "Faccio solo un passo alla volta, giorno dopo giorno".

Le sue opzioni terapeutiche sono limitate e hanno una prognosi peggiore a causa del tipo genetico del suo cancro. Ha ricominciato la chemioterapia e farà anche ricerche sugli studi clinici e prenderà in considerazione la terapia sperimentale. È fiduciosa: “Ho bisogno di rimanere in vita finché non arriva la mia cura. Spero che nei prossimi anni ci sarà un'immunoterapia che funzionerà per il cancro del colon come per il cancro della pelle". 

Nel frattempo, si sta concentrando sul suo progetto, sulla sua famiglia e sul loro tempo insieme. “Sto ancora imparando a sentirmi a mio agio con l'incertezza. Non posso davvero pianificare nulla in anticipo. Sebbene sia più facile a dirsi che a farsi, sto imparando a vivere con meno paura e a vivere la vita al massimo. 

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati