Notizie su sole e pelle

10 cose sorprendenti sulla tua pelle

By Krista Bennett DeMaio • 7 luglio 2023


C'è di più sulla pelle di quanto sembri. Dermatologo Deborah S. Sarnoff, MD, presidente della Skin Cancer Foundation, fa luce su le cose strane e meravigliose che la tua pelle può fare, dal rinnovarsi alla riparazione di alcuni dei danni che possono portare al cancro della pelle.

Per comprendere meglio i dettagli di come funziona la pelle, aiuta a sapere cosa sta succedendo in ciascuno dei suoi tre strati principali (con l'aiuto dell'illustrazione, sotto). Quello che vedi in superficie è il epidermide, che agisce come una barriera impermeabile, trattenendo l'umidità e allontanando batteri, funghi, virus, allergeni e sostanze irritanti. Ospita anche cellule squamose, cellule basali e melanociti, quest'ultimo produce la melanina, la sostanza che dà colore a pelle e capelli. Il danno al DNA in una qualsiasi di queste cellule può portare a cancro della pelle 

Il prossimo strato di pelle, il derma, contiene ghiandole sudoripare e sebacee, follicoli piliferi, vasi sanguigni e vasi linfatici, che trasportano i rifiuti. Le cellule di questo strato producono fibre di collagene ed elastina, che danno struttura alla pelle e le permettono di allungarsi 

Lo strato inferiore è il ipoderma, ovvero lo strato di grasso sottocutaneo, che significa grasso immagazzinato sotto la pelle. (Alcuni esperti non considerano nemmeno questo strato parte della pelle.) Il grasso, che si attacca alle ossa e ai muscoli, aiuta a proteggere e isolare il corpo. I vasi sanguigni nel derma si estendono nell'ipoderma, diventando più grandi in modo che possano far circolare il sangue in tutto il corpo, fornire sostanze nutritive ad altri organi e trasportare i rifiuti. Ora, sui fatti divertenti!

Dall'alto verso il basso, osservi l'epidermide, il derma e l'ipoderma, i tre strati principali della pelle. Credito: Getty Images

1. Un piccolo centimetro quadrato di pelle è costituito da 19 milioni di cellule epiteliali

All'interno di quel centimetro di pelle ci sono diversi tipi di cellule epiteliali, ciascuna con il proprio lavoro specifico. Ad esempio, ciò include circa 60,000 melanociti, cellule che producono il pigmento di melanina, che dà pelle il suo colore. Tutti gli esseri umani hanno melanociti (ad eccezione di alcune persone nate con albinismo). La maggior parte delle cellule della pelle sono cheratinociti. Questi includono cellule basali e squamose, i due tipi da cui la maggior parte comuni tumori della pelle può sorgere. Secondo la Cleveland Clinic, un pollice quadrato di pelle contiene anche 300 ghiandole sudoripare, 20 vasi sanguigni e 1,000 terminazioni nervose. E questo è solo graffiare la superficie. L'adulto medio ha 2,800 pollici quadrati - circa 22 piedi quadrati di pelle!

2. La tua pelle perde 30,000 cellule epiteliali al minuto

Potresti non vedere la pelle morta e spenta che si sfalda dal viso e dal corpo, ma succede tutto il giorno. Ci vuole circa un mese perché le cellule della pelle appena formate raggiungano la superficie, un lasso di tempo che diminuisce con l'età. "Il turnover cellulare può richiedere da sei a otto settimane in una persona di 60 o 70 anni e l'accumulo di cellule morte della pelle può far apparire la carnagione più spenta e secca", afferma il dott. Sarnoff. Puoi accelerare il processo (a qualsiasi età) con prodotti topici che contengono retinoidi, che promuovono la crescita di nuove cellule, o alfa idrossiacidi, incluso l'acido glicolico. Questi sciolgono la sostanza simile alla colla intercellulare che tiene insieme le cellule della pelle sulla superficie, consentendo loro di staccarsi prima. Puoi trovare questi ingredienti in detergenti, sieri, lozioni o creme.

3. La pelle contiene 11 miglia di vasi sanguigni

La strada per una pelle sana e radiosa è lastricata di vasi sanguigni. "Questi portano ossigeno e sostanze nutritive alle cellule, rimuovono le scorie e aiutano a regolare la temperatura della pelle", afferma il dott. Sarnoff. Quando la pelle si riscalda, i vasi sanguigni si dilatano, permettendo al calore di fuoriuscire dall'aria esterna. Quando fuori fa freddo, si restringono, trattenendo il calore nella pelle. Quando torni dentro per la cioccolata calda, i vasi sanguigni si dilatano di nuovo, dandoti quel rossore roseo.

4. La pelle rappresenta dal 10 al 15 percento del peso corporeo

La prossima volta che ti senti frustrato con la bilancia, ricorda che molto va nel numero che vedi sullo schermo, incluso il peso della tua pelle. È il più pesante di tutti i tuoi organi. "Quel 10-15 percento è composto da acqua, oli, lipidi (grassi), sostanze nutritive, follicoli piliferi, vasi sanguigni e linfatici, collagene e cellule viventi e morte", afferma il dott. Sarnoff. Nell'adulto medio, ciò può significare solo 20 libbre di pelle, circa il peso del cane del dottor Sarnoff, Maxie.  

5. La pelle ha il suo metabolismo

Si sente molto parlare del metabolismo del corpo e di come rallenta con l'età, influenzando tutto, dai livelli di energia al modo in cui i jeans si adattano. Ma sapevi che anche la tua pelle ha un metabolismo? Il termine si riferisce ai processi all'interno della pelle che controllano la produzione e la scomposizione del collagene e dell'elastina. Influisce anche sul modo in cui la tua pelle rinnova le sue cellule, ripara i suoi danni e persino su come risponde ai prodotti topici che usi. Come il metabolismo del tuo corpo, anche i processi metabolici della pelle rallentano con l'età e l'esposizione agli aggressori ambientali. Una recensione in Journal of Dermatology Cosmetic ha dimostrato che la radiazione ultravioletta (UV) provoca cambiamenti nel metabolismo cellulare, portando a segni visibili di fotoinvecchiamento 

6. La tua pelle è sull'orologio

Non sei l'unico che corre su un ciclo di 24 ore. I ricercatori hanno scoperto che la tua pelle ha un ritmo circadiano (dal latino "circa un giorno"), governato dal nucleo soprachiasmatico (SCN) del cervello. È un boccone, ma è fondamentalmente un gruppo di cellule nervose che fungono da orologio principale. Durante le ore diurne, la tua pelle è in modalità protettiva, cercando di proteggere le tue cellule Luce UV, radicali liberi, inquinamento, ecc. Di notte, i processi di riparazione della pelle entrano in azione, con ricerche che dimostrano che la riparazione raggiunge il picco durante la notte. Il ritmo circadiano influenza anche la temperatura e la permeabilità della pelle. Entrambi aumentano di notte, rendendo la pelle più ricettiva agli ingredienti topici. Il ritmo circadiano aumenta anche la perdita di acqua transepidermica (TEWL) durante la notte, il processo mediante il quale l'acqua fuoriesce dalla pelle. Quindi, prima di andare a letto, è il momento migliore per applicare la crema idratante.  

La ricerca ha anche dimostrato che il sistema di riparazione dell'escissione nucleotidica (NER) del corpo, responsabile della rimozione del fotodanneggiamento UV dal DNA, è controllato dal ritmo circadiano della pelle. Se questo sistema non rimuove il DNA danneggiato, queste mutazioni possono causare il cancro della pelle. Secondo una recente recensione in Rivista internazionale di scienze molecolari, l'interruzione del ritmo circadiano può essere collegata alla malattia, con la ricerca più recente che si concentra sulla manipolazione delle funzioni dell'orologio circadiano e dei cosiddetti geni dell'orologio all'interno della pelle per ridurre il rischio di cancro della pelle. In conclusione: fai dormire la tua bellezza di notte e indossa la protezione solare durante il giorno. 

7. La tua pelle può flettersi

Sai che la tua pelle copre i tuoi muscoli, ma sapevi che ci sono muscoli minuscoli entro anche la pelle? Si chiamano muscoli erettori del pelo e si trovano all'interno dei follicoli piliferi. Curiosità: "Sono questi piccoli muscoli che ti fanno rizzare i capelli quando ti viene la pelle d'oca", afferma il dottor Sarnoff.   

8. La pelle è un organo "emotivo".

Potresti aver pensato che il tuo cervello detenga quel titolo, ma la tua pelle è il più sensoriale di tutti gli organi, afferma il dottor Sarnoff. Reagisce a temperatura, pressione, vibrazioni, dolore e piacere. "Il derma contiene cellule con fibre nervose che trasmettono sensazioni tattili al cervello", dice. La pelle è anche altamente reattiva allo stress emotivo. La ricerca ha dimostrato che i problemi infiammatori della pelle come l'eczema, la psoriasi e l'acne spesso divampano durante i periodi di stress. E le situazioni stressanti possono anche scatenare sudorazione, prurito e orticaria. Gli esperti hanno scoperto che la connessione tra stress e pelle è bidirezionale. In poche parole, lo stress può esacerbare i problemi della pelle, ma la pelle può anche inviare segnali al cervello, innescando una risposta allo stress.   

9. La barriera è l'eroe sconosciuto della pelle

Sunscreen mantiene la superficie della pelle al sicuro da scottature solari, e le sue cellule protette dai danni UV. Anche la tua barriera, lo strato più esterno, svolge un ruolo cruciale nella protezione della pelle. Il suo compito è mantenere potenziali sostanze irritanti, allergeni e batteri fuori dalla pelle e trattenere l'umidità all'interno. Anche le grandi molecole in alcuni prodotti per la cura della pelle antietà non possono passare attraverso la barriera della pelle, nonostante ciò che affermano i marchi di cosmetici. "Le molecole nella maggior parte dei composti cosmetici sono troppo grandi per essere assorbite, quindi non credere a tutto ciò che senti sull'assorbimento", afferma il dott. Sarnoff. Quando la barriera cutanea viene danneggiata (a causa dell'esposizione ai raggi UV, detergenti aggressivi, esfoliazione eccessiva, ecc.), si formano lacrime microscopiche. Ciò consente all'acqua di fuoriuscire e dà ai potenziali irritanti un rapido passaggio nella pelle, rendendola secca e sensibile.   

10. La pelle ha un microbioma

Probabilmente hai sentito parlare del microbioma intestinale, una comunità di microbi che vive nel tuo intestino e può influenzare tutto, dalla salute immunitaria al modo in cui una persona risponderà ai trattamenti farmacologici, inclusa l'immunoterapia per il melanoma. Bene, la pelle ha un microbiome, inoltre, con trilioni di microrganismi come batteri, virus e funghi che svolgono un ruolo nella lotta alle infezioni, nel controllo dell'infiammazione e persino nell'aiutare il sistema immunitario a riconoscere possibili minacce. I ricercatori stanno lavorando a trattamenti per manipolare i batteri sulla superficie della pelle per trattare condizioni infiammatorie della pelle come la dermatite atopica, l'acne e malattie tra cui il cancro della pelle. 

Fai una donazione
Trova un dermatologo

Prodotti consigliati