Carcinoma a Cellule Squamose

Il secondo carcinoma cutaneo più diffuso

Il carcinoma a cellule squamose (SCC) della pelle, o carcinoma spinocellulare, è la seconda forma più comune di cancro della pelle, caratterizzato da una crescita anomala e accelerata delle cellule squamose. Se individuata precocemente, la maggior parte degli SCC è curabile.

Gli SCC della pelle sono noti anche come carcinomi cutanei a cellule squamose (SCC). L’aggiunta della parola “cutaneo” lo identifica come un cancro della pelle e lo differenzia dai tumori a cellule squamose che possono insorgere all’interno del corpo, in luoghi come la bocca, la gola oi polmoni.

Cos’è una cellula squamosa?
Le cellule squamose, uno dei tre tipi principali di cellule nello strato superiore della pelle (l’epidermide), sono cellule piatte situate vicino alla superficie della pelle che mutano continuamente man mano che se ne formano di nuove.

L’SCC si verifica quando il danno al DNA derivante dall’esposizione a radiazioni ultraviolette o altri agenti dannosi innesca cambiamenti anormali nelle cellule squamose.

Come si presenta l’SCC?
Gli SCC possono apparire come chiazze rosse squamose, piaghe aperte, pelle ruvida, ispessita o simile a una verruca o escrescenze in rilievo con una depressione centrale. A volte, gli SCC possono formare croste superficiali, prudere o sanguinare. Le lesioni insorgono per la maggior parte in zone del corpo esposte al sole.

Gli SCC possono presentarsi anche in altre zone del corpo, tra cui i genitali.

Gli SCC variano a seconda dell’individuo.

Quanto è pericoloso l’SCC?
Mentre la maggior parte degli SCC può essere trattata facilmente e con successo, se lasciate crescere, queste lesioni possono diventare deturpanti, pericolose e persino mortali. Gli SCC non trattati possono diventare invasivi, crescere negli strati più profondi della pelle e diffondersi in altre parti del corpo.

DATI E CIFRE

Il 90% dei tumori cutanei diversi dal melanoma (principalmente BCC e SCC) è associato all’esposizione ai raggi UV del sole.

Segnali d'allarme del carcinoma a cellule squamose

Quando diventano più avanzati, questi tumori della pelle possono diventare pericolosi.

L’SCC della pelle può svilupparsi ovunque sul corpo, ma si trova più spesso sulle aree esposte alle radiazioni ultraviolette (UV) come viso, labbra, orecchie, cuoio capelluto, spalle, collo, dorso delle mani e avambracci. Gli SCC possono svilupparsi in cicatrici, piaghe cutanee e altre aree di lesioni cutanee. La pelle intorno mostra tipicamente segni di danni del sole come rughe, cambiamenti di pigmento e perdita di elasticità.

Gli SCC possono apparire come zone ispessite, ruvide, squamose che possono formare croste o sanguinare. Possono anche assomigliare a verruche o piaghe aperte che non guariscono completamente. In alcuni casi gli SCC si presentano come escrescenze con bordi rialzati con una rientranza al centro che può sanguinare o prudere.

Immagini di SCC

Le foto seguenti illustrano i segnali di rischio di SCC a cui prestare attenzione:

Patch on man hand squamous cell carcinoma

Una macchia rossa persistente e squamosa con bordi irregolari che a volte crea croste o sanguina.

squamous cell carcinoma on lip

Un rigonfiamento con una depressione centrale che occasionalmente sanguina. Può rapidamente aumentare di dimensioni.

Picture open sore man left ear

Una piaga aperta che sanguina o si crostifica e persiste per settimane.

picture wart-like growth on man ear

Un’escrescenza simile a una verruca che si crostifica e occasionalmente sanguina.

Gli SCC possono anche apparire diversi da come descritto in precedenza. Se si nota qualcosa di insolito, come una piaga che non riesce a guarire o un nuova macchia, fissare un appuntamento con il proprio dermatologo.

Cosa si può fare

  • Non abbassare mai la guardia: osservare con attenzione eventuali sedi trattate in precedenza, annotare alterazioni e consultare il proprio dermatologo.
  • Controllati dalla testa ai piedi: cerca lesioni nuove o alterate che crescono, sanguinano o non guariscono. Impara come controllare la tua pelle.
  • Consulta il tuo dermatologo una volta l’anno per un esame professionale della pelle. Gli autoesami non sostituiscono uno specialista esperto nell’identificazione e nel trattamento di escrescenze cutanee anomale.
  • Follow up: se hai già avuto un carcinoma basocellulare (BCC) o carcinoma a cellule squamose (SCC) o una cheratosi attinica precancerosa, assicurati di consultare periodicamente il tuo medico come raccomandato.
  • Fai attenzione all’esposizione ai raggi del sole tutto l’anno: evita l’esposizione non protetta ai raggi UV, resta all’ombra, soprattutto quando il sole è più forte, e usa una crema solare ad ampio spettro, un cappello a tesa larga e occhiali da sole con protezione dai raggi UV.

Fattori di rischio del carcinoma a cellule squamose

Il carcinoma a cellule squamose (SCC) della pelle è causato da un danno al DNA che porta a cambiamenti anormali (mutazioni) nelle cellule squamose nello strato più esterno della pelle.

Comprendere cosa causa questo danno e i fattori che aumentano il rischio di sviluppare SCC può aiutare a rilevare precocemente la malattia o prevenirla del tutto.

I seguenti fattori aumentano il rischio di SCC:

  • Esposizione ai raggi UV del sole o dei lettini solari.
  • Sistema immunitario fragile
  • Anamnesi di carcinoma cutaneo
  • Età superiore a 50 anni
  • Pelle chiara
  • Sesso
  • Condizioni sensibili al sole, compreso lo xeroderma pigmentoso
  • Lesioni cutanee pretumorali, tra cui cheratosi attinica
  • Anamnesi di virus del papilloma umano (HPV)

Esposizione ai raggi UV
Quasi tutti i SCC si verificano su parti del corpo eccessivamente esposte al sole. L’esposizione occasionale al sole prolungata e intensa che causa scottature e l’esposizione cumulativa al sole nel corso della vita sono le principali cause di danni alla pelle che possono portare a SCC.

Più tempo si trascorre al sole, durante le vacanze al mare o quando si porta a passeggio il cane, maggiore è la probabilità di sviluppare SCC. Se la propria occupazione richiede di restare per molte ore all’aria aperta o se si trascorre il tempo libero al sole, il rischio aumenta ulteriormente.

Fortunatamente, l’esposizione ai raggi UV è un fattore di rischio controllabile.

Utilizzo precedente di lettini solari
I lettini solari emettono radiazioni UV pericolose e aumentano il rischio di sviluppare SCC. Le persone che hanno utilizzato lettini abbronzanti hanno un rischio maggiore del 67% di sviluppare SCC rispetto a chi non ne ha mai fatto uso.

Negli ultimi 30 anni, il numero di donne sotto i 40 anni con diagnosi di SCC è aumentato costantemente, una statistica che anche gli esperti ritengono sia collegata all’abbronzatura mediante lettino solare.

Sistema immunitario fragile
Se il sistema immunitario è indebolito o depresso, si hanno maggiori probabilità di sviluppare SCC rispetto alle persone con sistema immunitario sano. Ciò include gli individui con condizioni mediche che riducono la funzione immunitaria, compresi quelli con HIV, quelli che si sottopongono a chemioterapia per curare il cancro e quelli che usano farmaci immunosoppressivi per malattie autoimmuni. Per i destinatari di trapianto di organi che assumono farmaci antirigetto immunosoppressori, il rischio aumenta notevolmente: i pazienti trapiantati hanno circa 100 volte più probabilità di sviluppare SCC.

Anamnesi di carcinoma cutaneo
Se si ha già avuto un SCC, sussiste il rischio di svilupparne altri nel corso degli anni, nella stessa o in altre zone del corpo.  Sussiste anche un rischio maggiore di sviluppare altre forme di cancro della pelle.

Età superiore a 50 anni
Con il passare degli anni, l’esposizione al sole, e i danni causati da esso, si accumulano aumentando il rischio di sviluppare SCC.

Pelle chiara
Tutte le persone con una storia di esposizione al sole o uso di lettini abbronzanti possono sviluppare SCC. Tuttavia, le persone con la pelle chiara, i capelli biondi o rossi, gli occhi blu, verdi o grigi o la pelle con le lentiggini o che si scotta facilmente sono a maggior rischio.

Anche le persone con pelle più scura non sono comunque prive di rischi e anch’esse non devono assolutamente sottovalutare l’importanza della protezione solare. In effetti, la maggior parte dei tumori della pelle negli afroamericani sono SCC, che spesso si verificano in zone in cui si sono verificate precedenti condizioni o infiammazioni della pelle. Recentemente, c’è stato anche un aumento degli SCC diagnosticati nelle persone ispanoamericane.

Sesso
I carcinomi a cellule squamose si verificano almeno due volte più frequentemente negli uomini rispetto alle donne.  Questo dato viene attribuito al maggiore tempo di esposizione al sole accumulato negli uomini.

Condizioni sensibili al sole
Le persone con xeroderma pigmentoso, una malattia rara che rende la pelle meno in grado di riparare i danni al DNA causati dal sole, o altre condizioni di fotosensibilità come l’eruzione polimorfa alla luce o l’orticaria solare hanno un rischio elevato di danni alla pelle, SCC e altri tumori della pelle.

Lesioni pretumorali
Alcune escrescenze precancerose, spesso derivanti da danni cumulativi del sole, sono collegate a SCC.

  • Ovunque dal 40 al 60 percento di tutti gli SCC iniziano come una lesione precancerosa non trattata nota come cheratosi attinica (AK). Secondo gli studi, dal 2 al 10 percento delle AK non trattate diventa un SCC, a volte anche entro due anni.
  • La cheilite attinica si verifica più spesso sul labbro inferiore, rendendolo secco, screpolato, desquamato e pallido o bianco. Se non trattata tempestivamente, la cheilite attinica presenta un alto rischio di trasformarsi in un carcinoma a cellule squamose invasivo.
  • Nella leucoplachiasi compaiono macchie bianche su labbra, lingua, gengive, guance o altri punti all’interno della bocca che possono potenzialmente evolversi in carcinoma a cellule squamose. Possono essere causate da fonti di irritazione cronica, come il consumo regolare di alcol o l’uso di tabacco, o bordi ruvidi su denti o protesi. La leucoplachiasi sulle labbra è causata principalmente dal danno solare.
  • La malattia di Bowen (nota anche come carcinoma a cellule squamose in loco) viene considerata uno stadio iniziale, non invasivo, di SCC. Appare come una macchia rosso-marrone persistente e squamosa che può assomigliare a un eczema. Se non trattata, può penetrare più in profondità, diventando un SCC completamente invasivo. La malattia di Bowen sulla pelle è nella maggior parte dei casi causata dall’esposizione al sole, ma anche le radiazioni, agenti chimici cancerogeni come l’arsenico, la genetica e i traumi possono avere un ruolo.

Virus del papilloma umano (HPV)
È stato documentato che l’HPV, che può insorgere nelle mucose del naso e della bocca, nonché sulla pelle, è una causa della malattia di Bowen sui genitali.

Trattamento del carcinoma a cellule squamose

Opzioni efficaci per l’SCC allo stadio iniziale e avanzato

La maggior parte dei carcinomi a cellule squamose (SCC) della pelle può essere curata se individuata e trattata precocemente. Il trattamento deve avvenire il prima possibile dopo la diagnosi, poiché gli SCC più avanzati della pelle sono più difficili da trattare e possono diventare pericolosi, diffondendosi nei linfonodi locali, nei tessuti e negli organi distanti.

Se ti è stato diagnosticato un SCC non ancora diffuso, ci sono diversi trattamenti efficaci che di solito possono essere eseguiti su base ambulatoriale.

Chiedi al tuo medico di spiegarti le opzioni che potrebbero funzionare meglio per te. Consulta il nostro glossario dei trattamenti (solo in inglese) per informazioni più dettagliate.

Le opzioni includono:

  • Curettage ed elettrodessicazione (elettrochirurgia)
  • Tecnica di Mohs
  • Intervento di escissione
  • Criochirurgia
  • Chirurgia laser
  • Radioterapia
  • Terapia fotodinamica (PDT)
  • Farmaci topici

Curettage ed elettrodessicazione (elettrochirurgia) 

Come funziona
Il dermatologo raschia via il SCC utilizzando una curette (uno strumento affilato con una punta a forma di anello), quindi utilizza il calore o un agente chimico per distruggere le cellule tumorali residue, fermare l’emorragia e chiudere la ferita. Il medico può ripetere la procedura più volte durante la stessa seduta fino a quando tutte le cellule tumorali non sono state eliminate. In genere, la procedura lascia una cicatrice biancastra di forma circolare simile a una bruciatura di sigaretta nel sito dell’intervento.

Quando si usa
Il curettage e l’elettrodessicazione possono essere efficaci per la maggior parte delle piccole lesioni da SCC.

Tecnica di Mohs 

Come funziona
La tecnica di Mohs si esegue durante una singola visita, in più fasi. Il chirurgo rimuove il tumore visibile e un margine molto piccolo di tessuto intorno e sotto il sito del tumore. Il chirurgo codifica a colori il tessuto e disegna una mappa correlata al sito chirurgico del paziente. In un laboratorio in loco, il chirurgo esamina il tessuto al microscopio per vedere se rimangono cellule tumorali. In tal caso, il chirurgo torna dal paziente e rimuove più tessuto esattamente dove si trovano le cellule tumorali. Il medico ripete questo processo fino a quando non ci sono evidenze di cancro. Quindi la ferita può essere chiusa o, in alcuni casi, lasciata guarire da sola.

Quando si usa
La tecnica di Mohs è il gold standard, la tecnica più efficace per rimuovere i SCC, poiché causa danni minimi al tessuto sano e consente di ottenere il più alto tasso di guarigione possibile, fino al 97% sui tumori trattati per la prima volta. È spesso consigliato per SCC situati nelle aree intorno agli occhi, naso, labbra, orecchie, cuoio capelluto, dita delle mani o genitali. La tecnica di Mohs viene utilizzata anche per SCC di grandi dimensioni, aggressivi o in rapida crescita e su tumori con recidive, così come quelli con bordi indistinti.

Superficiale rispetto a mininvasivo

Gli SCC superficiali non sono penetrati (o non hanno invaso) al di sotto dello strato più superficiale della pelle (l’epidermide), mentre gli SCC mininvasivi hanno appena cominciato a invadere il secondo strato della pelle (il derma) e non hanno caratteristiche di alto rischio.

Intervento di escissione

Come funziona
Utilizzando un bisturi, il chirurgo rimuove l’intero tumore insieme a un “margine di sicurezza” del tessuto circostante e lo invia a un laboratorio fuori sede per l’analisi. Il margine di pelle rimosso dipende dallo spessore e dalla posizione del tumore. Se il laboratorio rileva cellule tumorali oltre i margini, è possibile eseguire ulteriori interventi chirurgici in un secondo momento fino a quando i margini non saranno liberi dal cancro.

Quando si usa
Per SCC piccoli e allo stadio iniziale ancora non diffusi, l’intervento di escissione è spesso l’unico trattamento richiesto.

Criochirurgia

Come funziona
Il medico utilizza un applicatore con punta di cotone o un dispositivo spray per applicare azoto liquido per congelare e distruggere il tumore. Successivamente, attorno alla lesione e alla pelle circostante possono formarsi vesciche o croste che si staccano, consentendo alla pelle sana di emergere.

Quando si usa
La criochirurgia è efficace per gli SCC superficiali, in particolare per i pazienti con disturbi emorragici, dispositivi cardiaci impiantabili o problemi a tollerare l’anestesia.

Chirurgia laser

Come funziona
Il dermatologo dirige un fascio di luce intensa sul tumore per colpire i SCC superficiali. Alcuni laser vaporizzano il cancro della pelle (ablazione) mentre altri (laser non ablativi) convertono il raggio di luce in calore, distruggendo il tumore.

Quando si usa
La chirurgia laser non è stata ancora approvata dalla FDA per l’SCC, ma in alcuni casi viene utilizzata per SCC superficiali, soprattutto quando altre tecniche non hanno avuto successo.

Radioterapia

Come funziona
Il medico utilizza raggi X a bassa energia per distruggere il tumore, senza bisogno di incisioni o anestesia. La distruzione del tumore può richiedere diversi trattamenti nell’arco di poche settimane o trattamenti giornalieri per un tempo specificato.

Quando si usa
La radioterapia viene utilizzata principalmente per SCC difficili da trattare chirurgicamente e nei pazienti anziani o nelle persone in cattive condizioni di salute per i quali la chirurgia non è consigliata. Per alcuni casi di SCC avanzato, specialmente quelli con coinvolgimento perineurale, le radiazioni possono essere utilizzate dopo l’intervento chirurgico o in combinazione con altri trattamenti.

Terapia fotodinamica (PDT)

Come funziona
Il dermatologo applica un agente topico per rendere la lesione sensibile alla luce o inietta l’agente nel tumore. Dopo aver lasciato trascorrere un breve periodo di tempo per l’assorbimento, il dermatologo utilizza una luce blu o un laser a colorante a impulsi (o talvolta luce solare naturale controllata), che provoca una reazione che distrugge il SCC. Dopo la procedura, i pazienti devono evitare rigorosamente la luce solare per almeno 48 ore, poiché l’esposizione ai raggi UV aumenterà l’attivazione del farmaco e potrebbe causare gravi scottature.

Quando si usa
È l’opzione più efficace per il trattamento della cheratosi attinica, che può causare lesioni precursori di SCC.

Farmaci topici

Farmaci approvati negli Stati Uniti d’America
Come funziona
5-fluorouracile (5-FU), imiquimod e ingenolo mebutato sono creme o gel che possono essere applicati direttamente sulle aree della pelle interessate per trattare SCC superficiali con il minimo rischio di cicatrici. Imiquimod attiva il sistema immunitario per attaccare le cellule cancerose, mentre 5-FU e ingenolo mebutato sono terapie topiche che prendono di mira le cellule cancerose e precancerose.

Quando si usa
Questi farmaci topici sono talvolta usati per i tumori superficiali. Questi farmaci sono usati anche per la prevenzione delle AK.

Trattamento di SCC avanzati

È necessario un trattamento più esteso per gli SCC che si sono diffusi, sono di grandi dimensioni, sono penetrati in profondità nella pelle e hanno causato gravi danni locali o hanno resistito a più trattamenti e si sono ripresentati.

Non ignorare mai un’escrescenza sospetta!

A volte gli SCC diventano avanzati perché un paziente non si reca dal medico per un’escrescenza sospetta o decide di non rimuoverla chirurgicamente.  Trascurare qualsiasi lesione nuova o alterata sulla pelle può rivelarsi pericoloso. In caso di dubbi, consultare uno specialista.

Trattamento del carcinoma a cellule squamose avanzato

Nuove opzioni. Nuove speranze.

Il 95% circa dei carcinomi a cellule squamose (SCC) della pelle viene rilevato precocemente, quando è più facile da trattare e curare. Il restante 5% dei casi di SCC è avanzato a tal punto da renderli molto più pericolosi e difficili da trattare.

Fortunatamente, il campo dell’immunoterapia è in crescita e offre ai pazienti con SCC avanzato una nuova opzione per il trattamento e la gestione della malattia.

Cos’è l’SCC avanzato?

Quando un carcinoma a cellule squamose della pelle si è diffuso in modo esteso o aggressivo, o ha resistito a più trattamenti e si ripresenta più volte, è considerato avanzato.

Questi tumori includono:

  • SCC localmente avanzato: tumori ampi o che sono penetrati in profondità nei tessuti, i muscoli o i nervi sottostanti. Questi SCC possono essere deturpanti e/o possono compromettere queste strutture sottostanti.
  • SCC metastatico: tumori che si sono diffusi oltre la posizione originaria in altre parti del corpo. Questi SCC possono essere potenzialmente fatali.

Se ti è stato diagnosticato un SCC avanzato, il tuo medico può raccomandare una valutazione da parte di un team multidisciplinare per esplorare le opzioni di trattamento. Il team può includere il tuo dermatologo e/o un chirurgo esperto in tecnica di Mohs, insieme a medici e chirurghi di altre specialità. Dopo l’intervento chirurgico per rimuovere il tumore e, se necessario a causa di metastasi o linfonodi locali, le opzioni possono includere una combinazione di trattamenti, in base alla complessità della malattia e alla salute generale. Il regime può includere:

  • Intervento di escissione
  • Tecnica di Mohs
  • Radiazioni
  • Immunoterapia

Intervento di escissione

Come funziona
Utilizzando un bisturi, il chirurgo rimuove l’intero tumore insieme a un “margine di sicurezza” del tessuto circostante e lo invia a un laboratorio fuori sede per l’analisi. Il margine di pelle rimosso dipende dallo spessore e dalla posizione del tumore. Se il laboratorio rileva cellule tumorali oltre i margini, è possibile eseguire ulteriori interventi chirurgici in un secondo momento fino a quando i margini non saranno liberi dal cancro. Se il cancro è avanzato, sono spesso raccomandate altre terapie complementari (adiuvanti).

Quando si usa
Per SCC piccoli e allo stadio iniziale ancora non diffusi, l’intervento di escissione è spesso l’unico trattamento richiesto. * Per SCC avanzati, il medico molto probabilmente consiglierà trattamenti aggiuntivi dopo la rimozione del tumore.

Tecnica di Mohs

Come funziona
La tecnica di Mohs si esegue durante una singola visita, in più fasi. Il chirurgo rimuove il tumore visibile e un margine molto piccolo di tessuto intorno e sotto il sito del tumore. Il chirurgo codifica a colori il tessuto e disegna una mappa correlata al sito chirurgico del paziente. In un laboratorio in loco, il chirurgo esamina il tessuto al microscopio per vedere se rimangono cellule tumorali. In tal caso, il chirurgo torna dal paziente e rimuove più tessuto esattamente dove si trovano le cellule tumorali. Il medico ripete questo processo fino a quando non ci sono evidenze di cancro. Quindi la ferita può essere chiusa o, in alcuni casi, lasciata guarire da sola.

Quando si usa
La tecnica di Mohs viene utilizzata anche per SCC ricorrenti, e per tumori di grandi dimensioni, aggressivi o in rapida crescita e su tumori con recidive, così come quelli con bordi indistinti.

Radioterapia

Come funziona
Il medico utilizza raggi X a bassa energia per distruggere il tumore, senza bisogno di incisioni o anestesia. La distruzione del tumore può richiedere diversi trattamenti nell’arco di poche settimane o trattamenti giornalieri per un tempo specificato.

Quando si usa
La radioterapia viene utilizzata principalmente per SCC difficili da trattare chirurgicamente e nei pazienti anziani o nelle persone in cattive condizioni di salute per i quali la chirurgia non è consigliata. Per alcuni casi di SCC avanzato, le radiazioni possono essere utilizzate dopo l’intervento chirurgico o in combinazione con altri trattamenti. Le radiazioni possono essere utilizzate per ridurre le dimensioni del tumore in modo che le immunoterapie possano funzionare in modo più efficace e possono offrire esse stesse benefici sistemici e immunoterapici.

Immunoterapia

Panoramica del trattamento
Nel settembre 2018, dopo il successo delle sperimentazioni cliniche, una nuova immunoterapia, cemiplimab-rwlc (Libtayo®), è diventata il primo farmaco in assoluto ad essere approvato dalla FDA (Food and Drug Administration) statunitense per il trattamento di pazienti con determinate forme di carcinoma a cellule squamose.

Come funziona
Cemiplimab è un tipo di immunoterapia noto come terapia di blocco del checkpoint, che funziona sfruttando il potere del sistema immunitario per combattere il cancro.

In condizioni normali, il sistema immunitario utilizza i checkpoint, ovvero molecole che sopprimono la produzione di cellule T, i globuli bianchi che aiutano a proteggere il corpo dalle infezioni. Questi checkpoint impediscono alle cellule T di riprodursi in maniera incontrollata e attaccare le cellule sane del corpo. Tuttavia, le cellule tumorali hanno la capacità di mantenere attivi i checkpoint, sopprimendo il sistema immunitario in modo che il cancro possa crescere e prosperare. Cemiplimab agisce bloccando un particolare checkpoint chiamato PD-1, permettendo al sistema immunitario di rilasciare enormi quantità di cellule T per attaccare e uccidere le cellule tumorali.

Quando si usa
Cemiplimab è usato per trattare pazienti con SCC che si è diffuso oltre il sito del tumore primario e pazienti con SCC localmente avanzato e inoperabile che non sono candidati a chirurgia o radioterapia.

Ultima revisione 2020

This translation is made possible through a grant from novartis